Vandalismo, Cea: "E' il segno dell'abbandono della città"

Il consigliere comunale del PdL: "Piazze e giardini sono stati lasciati in balia di teppisti. Serve un piano della sicurezza che preveda un maggior coinvolgimento dei vigili urbani"

“Molti cittadini baresi si stanno disinnamorando della propria città e questi atti vandalici lo confermano purtroppo in modo inequivocabile”. Ninni Cea, consigliere comunale e possibile candidato alle primarie del centrodestra per la poltrona di primo cittadino, interviene nel dibattito lanciato da Bari Today sui recenti episodi di vandalismo che hanno caratterizzato la città nel mese di agosto.

“E’ chiaro che siamo di fronte ad episodi di inciviltà diffusa soprattutto in certi ambienti giovanili – spiega Cea -. Ma teniamo presente che la città sta vivendo un abbandono senza precedenti, pensiamo soltanto a piazza Umberto dove da anni si registrano scippi e violenze; i cittadini percepiscono tutto questo ed è chiaro che il vandalismo trova gioco facile ad insediarsi dove esiste un abbandono diffuso”.

Ninni Cea è consapevole che il Comune da solo non può fare molto, ma ritiene che le responsabilità dell’attuale giunta comunale siano diverse: “Vogliamo sapere se funzionano i totem che sono stati installati per la città e se sono collegati per davvero alle centrali operative delle forze dell’ordine”. “Vogliamo anche capire perché i giardini pubblici siano stati così abbandonati e perché i due consigli comunali monotematici dedicati al tema della sicurezza siano stati privi di numero legale”, prosegue Cea. Se fosse sindaco Ninni Cea non avrebbe dubbi su cosa fare sotto il profilo della sicurezza: “Installerei telecamere in più strade possibili, perché è stato dimostrato che la presenza di questi strumenti inibisca parecchie persone nel delinquere; poi darei più poteri ai vigili urbani che, insieme alle forze dell’ordine, devono controllare maggiormente il territorio a partire dai luoghi pubblici come piazze e giardini”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Emiliano ha tollerato per troppo tempo certe situazioni, penso all’occupazione del mercato di via Carrante – conclude Cea - . La gente ha bisogno di sentirsi protetta e non vogliamo che Bari sia abbandonata al proprio destino, ecco perché è necessario aumentare i controlli per le strade della città”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali Puglia 2020: i risultati delle liste, preferenze e consiglieri eletti

  • Elezioni Regionali Puglia 2020: i risultati in diretta

  • Uccio De Santis positivo al coronavirus, annullato spettacolo in Svizzera: "Sono forte, ci vediamo presto"

  • Regionali Puglia 2020, i risultati: preferenze consiglieri Partito Democratico

  • Verso il nuovo Consiglio regionale, i nomi: Lopalco superstar, boom Paolicelli e Maurodinoia. A destra c'è Zullo, M5S con Laricchia

  • Regionali Puglia 2020: i risultati | Percentuali e voti dei candidati presidente

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento