Mercoledì, 28 Luglio 2021
Elezioni Politiche 2013

Lista Monti, presentati i candidati: "La cittadinanza attiva per far ripartire il Sud"

In mattinata la presentazione delle due liste "Scelta civica-Con Monti per l'Italia" e "Con Monti per l'Italia" da parte di Nicola Rossi, economista ed esponente di Italia Futura

"Due mesi fa assistevamo a un remake della campagna elettorale di 20 anni fa con le stesse persone. In tempi miracolosi si è concessa agli italiani un’altra opzione ma soprattutto un altro metodo di fare politica e – ci auguriamo – di governare. La lista collegata al presidente Mario Monti può affrontare concretamente i problemi della regione e consentire di guardare con maggiore ottimismo al futuro": così Nicola Rossi, docente universitario, economista, senatore uscente iscritto al Gruppo Misto ed esponente di Italia Futura (il movimento fondato da Luca Cordero di Montezemolo), esordisce in conferenza stampa, presentando i candidati alla Camera diScelta civica-Con Monti per l’Italia”. Per il Senato la lista (si chiama solo “Con Monti per l’Italia”) è composta anche da rappresentanti di Udc e Fli.

“La novità – aggiunge Rossi – è rappresentata dalla modalità di selezione dei candidati (presenti per l’occasione nel neonato comitato elettorale, in via Calefati 47 a Bari, ndr): non è avvenuta dall’alto e ha coinvolto quelle personalità che rappresentano al meglio la società civile pugliese”.

Sono 32 in lista per Montecitorio in rappresentanza di tutte le province pugliesi. E nella composizione si è dato spazio alle donne (nove) e ai giovani: l’età media è 46 anni e sono candidati dieci under 40. Nessun ex parlamentare. “Siamo imprenditori, professori, liberi professionisti, dirigenti d’azienda, che hanno scelto per un periodo di tempo determinato di mettersi a disposizione della regione e del nostro Paese”, spiega Salvatore Matarrese, presidente Ance Puglia e capolista alla Camera.

Sia Rossi che Matarrese si soffermano sul Mezzogiorno. “Nell’agenda Monti – obietta Rossi – non è citato esplicitamente il Sud, ma si afferma nettamente la volontà di combattere sia la disoccupazione giovanile, sia la mancanza completa di pari opportunità e retribuzioni adeguate. Questioni soprattutto meridionali che vanno analizzate e risolte”.

“Il Sud – aggiunge Matarrese – deve prendere coscienza delle proprie specificità e agire nella piena sinergia tra regioni per utilizzare al meglio i fondi comunitari e sostenere le politiche di sviluppo per i giovani. Per questi motivi ho deciso di guidare una squadra, composta da persone motivate, che intendono dare il loro contributo di cittadinanza attiva e guidare dal basso il cambiamento. In poche ore abbiamo raccolto oltre 2.000 firme e dato vita a un’organizzazione capillare per essere presenti nel territorio, con il nostro orgoglio meridionale”.

Quanto agli avversari politici come Nichi Vendola e Raffaele Fitto, secondo Matarrese, “alimentare contrasti non è nel nostro dna: vogliamo convogliare le differenze su obiettivi comuni. Ho spesso incontrato, da presidente di Ance Puglia, l’attuale governatore e ho trovato inaspettate aperture nell’ambito dell’edilizia ambientale e del recupero delle periferie. La collaborazione tra ideologie, partiti e personalità politiche è fondamentale se vogliamo perseguire la crescita”.

Per raggiungerla, come dichiara Angela D’Onghia, imprenditrice del settore moda, capolista al Senato, “bisogna essere attori della rinascita del Paese. E’ la prima volta in cui salgo in politica. Sono la prima donna cavaliere del lavoro in Puglia, conosco le criticità legate alla chiusura delle imprese e al dramma della mancanza di occupazione ma sono convinta che con umiltà e metodo si
possa uscire dalla crisi”.

Quanto agli obiettivi elettorali, Rossi afferma: “Nella migliore delle valutazioni ci sottostimiamo, lo spazio per noi è significativo anche perché gli italiani non vogliono rinunciare alla sobrietà e alla correttezza che hanno caratterizzato l’azione del Governo negli ultimi 13 mesi”.

Alle domande dei cronisti su una sua possibile candidatura con la lista Monti come successore di Vendola alla presidenza della Regione Puglia, Rossi risponde: “L'immaginazione è grande, ma oggi siamo qui per parlare di altro”. Infine, sulla proposta della Lega di fare restare nelle Regioni il 75% delle tasse che pagano: "A ognuno è concessa una scempiaggine all'anno, e Maroni si è già giocato
la sua".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lista Monti, presentati i candidati: "La cittadinanza attiva per far ripartire il Sud"

BariToday è in caricamento