Discarica con amianto vicino al Moi, Pani (M5S): "Cosa aspetta il Comune a bonificare l'area?"

La candidata sindaco del Movimento chiede chiarimenti a Decaro e all'assessore Petruzzelli: "Da anni avevamo già segnalato il problema. E' gravissimo che dal 2015 il problema non sia stato risolto"

Il reportage di Striscia la Notizia sulla discarica con presenza di amianto scoperta su un terreno privato alle spalle del Mercato Orto Frutticolo - MOI di Bari ha acceso la polemica politica. A chiedere chiarimenti è la candidata sindaco del Movimento Cinque Stelle, Elisabetta Pani: "Nel servizio - afferma l'esponente pentastellata - l'assessore Petruzzelli cita una ordinanza con la quale il sindaco avrebbe imposto al proprietario la bonifica dell'area. Chiedo per trasparenza nei confronti dei cittadini di rendere noto tale documento del quale è fondamentale conoscere data, scadenze e sanzioni previste in caso di inadempienza".

Il servizio di Striscia la Notizia: le immagini della discarica

"È evidente - aggiunge Pani - che trascorse le tempistiche previste dall'ordinanza, anche in caso di ricorsi, il Comune avrebbe dovuto provvedere alla bonifica da porre successivamente come spesa a carico dei proprietari dell'area (bonifica in danno). Il Sindaco è responsabile della salute dei suoi cittadini: cosa aspetta? La zona di Via Portoghese era stata già segnalata dal M5S Bari nel 2015 e mi sembra gravissimo che dopo 4 anni il Comune non abbia ancora provveduto a rimuovere i rifiuti pericolosi in una zona, per di più, dove a pochi metri si vendono prodotti freschi che finiranno sulle tavole dei baresi" conclude la candidata sindaco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il van di Borghese sbarca a Bari: lo chef premia il miglior ristorante di crudo di mare

  • "Qui il crudo di mare è una vera favola", Alessandro Borghese e la sfida di '4 Ristoranti' a Bari: il migliore? E' a Santo Spirito

  • Arriva il freddo russo, temperature in picchiata anche in Puglia: rischio neve a quote basse

  • Nuovo Dpcm in arrivo: ecco regole e restrizioni, cosa cambia dal 16 gennaio. Puglia verso l'arancione

  • Un'altra stretta con il nuovo decreto anti Covid: Puglia verso la zona arancione?

  • Coronavirus, a Bari oltre 3mila casi accertati: l'area San Girolamo-Fesca-Stanic-San Paolo è la più colpita

Torna su
BariToday è in caricamento