Politica

Emergenza casa, Riconosciamo Bari: "Bene la proposta di Emiliano, ma finora il Comune non ha fatto nulla"

Positiva per la coalizione che sostiene la candidatura a sindaco di Desirèe Digeronimo l'idea di sospendere gli sfratti per morosità incolpevole, ma "sinora le politiche abitative del Comune sono state del tutto insufficienti"

La manifestazione delle famiglie baresi sfrattate qualche giorno fa davanti al Comune

Una richiesta giusta, quella di sospendere gli sfratti per morosità incolpevole, avanzata ieri dal primo cittadino Emiliano al Prefetto, che però rivela una tardiva presa di consapevolezza da parte del Comune della gravità del fenomeno dell'emergenza casa. E' questa la posizione espressa oggi da Riconosciamo Bari e dalle altre liste civiche che sostengono la candidatura a sindaco di Desirèe Digeronimo.

"In relazione alla richiesta avanzata, in occasione del tavolo inter-istituzionale del 3 Febbraio u.s., dal Sindaco Emiliano al Prefetto di Bari di sospendere gli sfratti per "morosità incolpevole", - si legge in una n ota - le liste che sostengono la candidatura a Sindaco di Bari della dott.ssa Desirèe Digeronimo (Riconosciamo Bari, Giovani in Movimento, Desideriamo Bari, Rifondazione Italia per la Legalità, Fare per fermare il declino), non possono che esprimere viva soddisfazione per la presa di posizione del Sindaco uscente, dato che da giorni la dott.ssa Desirèe Digeronimo chiede che venga adeguatamente fronteggiata l'emergenza abitativa e che vengano assicurate dignitose condizioni di vita a tutte le famiglie disagiate".

"Al contempo, -continua il comunicato - la coalizione che sostiene la candidatura della dott.ssa Digeronimo evidenzia che l'ammissione del Sindaco Emiliano, secondo cui "per il Comune sarebbe più economico sostenere il pagamento degli affitti, mantenendo il nucleo nell'abitazione esistente, che non la ricollocazione e la presa in carico della famiglia sfrattata presso strutture pubbliche" suona come un tardivo 'mea culpa' rispetto a quelle che sono state sinora le politiche abitative del Comune di Bari ed attesta come esse siano state del tutto insufficienti, tanto da generare l'attuale stato di emergenza".

"L'approfondimento tecnico-giuridico sul tema, richiesto dal Sindaco nel corso del tavolo inter-istituzionale del 3 febbraio, andava infatti programmato per tempo e non proposto in prossimità delle imminenti elezioni per il rinnovo dell'Amministrazione Comunale. Una visione della politica legata al contingente non riesce più a porre rimedio ai problemi della Città, ma anzi li acuisce, rendendo ardua la loro soluzione. L'auspicio della coalizione che sostiene la dott.ssa Digeronimo - conclude la nota - è che la politica non si limiti più a gestire il presente, ma attui misure di prevenzione per evitare future situazioni di disagio ... magari traendo insegnamento dagli errori dell'Amministrazione uscente".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza casa, Riconosciamo Bari: "Bene la proposta di Emiliano, ma finora il Comune non ha fatto nulla"

BariToday è in caricamento