Giovedì, 28 Ottobre 2021
Politica

Emiliano e la crisi di governo: "Spero in Conte premier. Io ministro? Non sono pronto a lasciare la Puglia"

Il governatore ha poi espresso un giudizio sulla collaborazione organica, in Giunta e in Consiglio, con gran parte del M5S: "Io mi sono comportato in modo leale nei loro confronti. Promesse mantenute"

"Io sarei pronto a fare un terzo mandato da presidente della Regione, non a lasciare la Puglia. La Puglia mi dà il massimo della soddisfazione a livello emozionale e lavorativo rispetto a qualunque altro incarico istituzionale. Anche se so che prima o poi dovrò lasciare": è quanto afferma il governatore Michele Emiliano, rispondendo, nel corso di un'intervista all'emittente salentina Telerama, su un'ipotetica nomina a ministro in un eventuale terzo governo guidato da Giuseppe Conte, se dovesse essere questo l'esito delle consultazioni tra i gruppi parlamentari dopo la crisi di governo scoppiata nei giorni scorsi.

Emiliano si augura che il presidente della Camera, Roberto Fico, mediatore tra i vari leader di partito, "riesca a ricostruire la maggioranza di centrosinistra col M5S e che Conte possa ricominciare il suo lavoro. Conte è un presidente del Consiglio pugliese, che conosce il nostro territorio. Dal nostro punto di vista la sua conferma è molto importante, ma anche per il Paese è molto importante che Conte vada avanti". Per il governatore Conte è "il leader politico più popolare, più stimato Ha dovuto fronteggiare un momento difficilissimo ed è partito due anni fa da zero. Certo, tutti possiamo far meglio, ma dal mio punto di vista va difeso e sostenuto perchè in questo momento è l'unica vera novità della politica italiana. È riuscito a trasformare l'energia del M5S in una forza di governo, con l'aiuto di Di Maio, Crimi e anche del Pd che grazie a Zingaretti ha cambiato volto, con un'altra atmosfera umana e politica all'interno del partito. Della ricostruzione del partito distrutto dal precedente segretario ne fa la sua priorità. Sostengo Conte e Zingaretti ma ovviamente collaborerei con la stessa lealtà istituzionale con qualunque governo, perche' questo è il mio dovere" ha rimarcato.

"Intesa col M5S? Mantenute le promesse"

Il governatore ha poi espresso un giudizio sulla collaborazione organica, in Giunta e in Consiglio, con gran parte del M5S: "Io mi sono comportato in modo leale nei confronti del Movimento 5 Stelle - dice -. Avevo detto in campagna elettorale che se avessi vinto le elezioni avrei coinvolto nel governo regionale il Movimento. Ho detto una cosa e l'ho fatta, perchè mantenere la parola in politica è importante, altrimenti si perde il senso delle cose, Ho mantenuto l'impegno nei confronti degli elettori M5S che a settembre scorso hanno votato per me - ha spiegato -. Anche se non ne avevo bisogno dal punto di vista dei numeri in Consiglio".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emiliano e la crisi di governo: "Spero in Conte premier. Io ministro? Non sono pronto a lasciare la Puglia"

BariToday è in caricamento