Sabato, 12 Giugno 2021
Politica

Condanna per Vendola in primo grado al processo ex Ilva, le parole di Fitto: "Garantismo sempre e verso tutti"

L'ex governatore: "Mi auguro che questa circostanza non venga sprecata sull’onda dell’emotività che induce, in taluni casi, a dissolvere anni di malriposto ‘giustizialismo’ in un impulso di rabbia"

“Garantismo sempre e verso tutti, senza distinzione alcuna, quale principio di civiltà irrinunciabile. Vale anche nel caso molto delicato e complesso, per molteplici e ben note ragioni, della sentenza di primo grado nel procedimento ‘Ambiente svenduto’. Una sequela di condanne durissime che colpiscono i vertici di un’azienda tra le più rilevanti del Paese": è il commento dell'europarlamentare pugliese Raffaele Fitto (Fratelli d'Italia) alla sentenza di primo grado riguardante i passati vertici dell'ex Ilva di Taranto che ha visto la condanna, tra gli altri, dei fratelli Riva e dell'ex governatore della Puglia, Nichi Vendola

“Vicenda ancor più grave, quando il giudizio condanna, come nel caso di Nichi Vendola,  - aggiunge Fitto - un vertice istituzionale che ha rappresentato i cittadini di una regione, nessuno escluso, che ne restano moralmente segnati. Auguro a Vendola di poter dimostrare, nei successivi gradi di giudizio, la sua totale estraneità a quanto gli viene contestato. Non solo per la sua personale onorabilità ma, soprattutto per quella dell’istituzione che ha rappresentato. Quindi, da parte mia, nessun attacco, nessun insulto, nessuna esultanza: sentimenti che, invece, ho spesso ritrovato sul volto e nelle parole dei miei avversari in analoghe circostanze".

“Abbiamo vissuto tempi nei quali persino ‘l’auspicio’ per così dire, di un avviso di garanzia o la ‘profezia’ di un tintinnar di manette serviva a innescare la barbarie del linciaggio mediatico - rimarca Fitto - , della calunnia e dell’utilizzo politico delle vicende giudiziarie. Tempi torbidi e oscuri dei quali ho fatto anche io aspra e dolorosa esperienza per lunghi anni e che non auguro a nessuno, compreso Vendola che, di quei tempi, fu protagonista. La giustizia, ovviamente, resta tale quando condanna e quando assolve. La fiducia in essa non è un rituale a seconda degli interessi e della posizione personale ma un dovere istituzionale. Mi auguro, infine, che questa circostanza non venga sprecata sull’onda dell’emotività che induce, in taluni casi, a dissolvere anni di malriposto ‘giustizialismo’ in un impulso di rabbia, ma sia invece un’utile occasione per riflettere sui propri comportamenti del passato e soprattutto per evitare che si ripetano nel futuro" conclude Fitto

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Condanna per Vendola in primo grado al processo ex Ilva, le parole di Fitto: "Garantismo sempre e verso tutti"

BariToday è in caricamento