Politica Palese - Macchie

Fli, Fini a Bari: "Pronti a confrontarci con tutti su cose concrete"

Il presidente Fini oggi a Bari per il suo tour elettorale parla dello scenario post-elezioni, del movimento cinque stelle, della corruzione in Italia e rigetta la teoria di una magistratura che interferisce con la politica

"Se dalle urne non uscirà una maggioranza, noi il giorno dopo ci confronteremo con tutti per capire chi vuole fare e cosa; l'alleanza si farà se si farà su cose concrete. Non saranno alleanze definite in via preventiva, rispetto a simpatie o antipatie ideologiche".Lo ha detto il leader di Fli, Gianfranco Fini in Puglia per un tour elettorale che proprio oggi ha fatto tappa a Bari.

"Non credo che si possa sostenere che c'é la volontà della magistratura di interferire con la campagna elettorale, solo una mente malata può trovare un filo conduttore tra tutte le inchieste e gli arresti che sono sulle prime pagine dei giornali, come l'arresto di Cellino a Cagliari, Baldassarri per Mps e Rizzoli - ha continuato - Si tratta di indagini molto diverse tra loro  non credo che i magistrati abbiano agito in base a chissà quale volontà concordata di aggressione tanto da far dire a qualcuno che 'sono il cancro che mina la democrazia'.

Ha poi parlato di Grillo e del movimento 5 stelle invitando a rispettarlo in quanto "è un termometro che misura una febbre alta, ma non esiste termometro che abbia mai curato una malattia. Grillo - ha proseguito - riempie le piazze, vedremo se riempirà anche le urne, è un fenomeno di partecipazione apprezzabile dei cittadini ma basta andare a Parma per capire che i primi a pentirsi del voto sono stati proprio quelli che lo hanno votato con più entusiasmo mesi fa. Si può protestare, è un fatto naturale. ma la protesta fine a se stessa non porta a soluzioni".

Parlando invece della corruzione ha dichiarato "La Corte dei conti ha di recente stimato in sessanta miliardi il costo della corruzione in Italia  comunque la si chiami, tangentopoli o meno, quello che mi interessa è combattere questo fenomeno della corruzione. Questo significa anche fare nuove leggi a partire da una legge sul falso in bilancio e su l'autoriciclaggio". "Difficile dire se ci troviamo di fronte ad una nuova tangentopoli come dice qualcuno - ha aggiunto Fini - quello che é certo che c'é un livello di corruzione e di malaffare enorme e al di là della definizione occorre agire con la massima forza".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fli, Fini a Bari: "Pronti a confrontarci con tutti su cose concrete"

BariToday è in caricamento