Politica San Paolo

Giacinto Mangialardi, un operaio dell'Ilva di Taranto candidato alla Camera dei deputati con Forza Nuova in Puglia

Come coordinatore cittadino del Movimento Patria Nostra di Taranto, è mio dovere candidarmi con Forza Nuova per dare voce ai lavoratori dell'ILVA e ai cittadini della Provincia di Taranto..

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

E' Giacinto Mangialardi, coordinatore cittadino del Movimento Patria Nostra (Movimento Nazionalista confederato con Forza Nuova e Movimento Nazional Popolari), l'operai ILVA Candidato in Puglia con Forza Nuova. Mangialardi lavora al reparto "magazzino spedizioni tubificio 2",un reparto dell'area "logistica" che principalmente si occupa dello smistamento e del trasferimento dei tubi in altre reparti, principalmente ai reparti di rivestimento degli stessi, al molo per poi essere imbarcati sulle navi e ai camion privati che entrano in stabilimento. Da mesi sta vivendo le preoccupazioni dei suoi colleghi di lavoro che vedono il futuro sempre più incerto:" Sono mesi che viviamo con la paura di non poter più garantire un futuro alle nostre famiglie, stiamo vivendo un periodo di forte angoscia e questo ci impedisce di vivere serenamente. Il lavoro è fondamentale, specie al sud dove scarseggia, ma non dobbiamo dimenticare anche il fattore salute, i morti a Taranto e dintorni sono tanti e non possiamo non considerare questa tragedia. I politici hanno sempre e solo messo delle inutili toppe o addirittura hanno fatto finta di non vedere. Bisognava intervenire con i tempi dovuti per evitare che il veleno prodotto dall'ILVA uccidesse le persone e allo stesso tempo garantire la continuazione delle attività lavorative, con il loro atteggiamento di sufficienza, per non dire per colpa della loro incompetenza, non siamo riusciti a salvare ne capre ne cavoli. Avevamo indicato come Movimento Patria Nostra alcuni interventi urgenti da fare, Il Governo doveva essere molto più attento ai problemi legati alla salute senza mettere in pericolo il lavoro dei dipendenti ILVA, investendo sui presidi medici e sulla prevenzione per tutelare la popolazione esposta ai rischi causati dallo stabilimento, riservare delle risorse per il risanamento degli impianti e per la bonifica dell'area. Avevamo indicato questi ed altri interventi, ma le nostre richieste sicuramente saranno finite nel cestino dei rifiuti del Ministero della Salute, del Ministero del Lavoro e del Governatore della Puglia. Anzi, con i nuovi tagli regionali sulla sanità, srà colpita anche la provincia di Taranto operazione rischiosa e deleteria per tutta la nazione, ma ancor di più nella nostra provincia che necessità, invece, di un incremento delle strutture sanitarie specie di tipo oncologico. La mia volontà di candidarmi nasce proprio dall'esigenza di dare voce ai lavoratori dell'ILVA e ai cittadini di Taranto, sfruttare la campagna elettorale per motivi che vanno aldilà della mera politica, ma che sia un modo per mantenere alta l'attenzione sul problema ILVA. Prima di accettare la candidatura ne ho parlato con il Segretario Nazionale di MPN Valerio Arenare e con il Presidente Angelo Mortati che hanno subito appoggiato la mia decisione esortandomi a scendere in campo e a sostenere le mie idee. Ho avuto anche modo di esprimere le mie intenzioni a Maria Grazia De Giosa e Mauro Corsano entrambi candidati al Senato con Forza Nuova in Puglia in quota al Movimento Patria Nostra, ed entrambi mi hanno appoggiato ed assicurato il loro impegno a favore di questo problema che non riguarda solo Taranto ma l'intera Puglia. Stesse rassicurazioni ho avuto da Vito Nicola Cantacessi di Forza Nuova Puglia e allora non potevo decidere diversamente. Mi candido per dare voce ai miei colleghi e ai cittadini di Taranto e mi impegnerò fino al limite delle mie forze affinché le istituzioni mi ascoltino."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giacinto Mangialardi, un operaio dell'Ilva di Taranto candidato alla Camera dei deputati con Forza Nuova in Puglia

BariToday è in caricamento