Domenica, 20 Giugno 2021
Politica

Giannini a Bari, FLC Cgil: "Sindacati non invitati, il ministro non ha risposto a nostre domande"

La nota del sindacato: "Avremmo voluto chiedere al Ministro cosa ne pensa dell’idea di lasciare a casa diritti di alunni e lavoratori". E l'Ubs denuncia presunte irregolarità nell'assegnazione delle supplenze proprio al Majorana, scuola in cui si è tenuta la visita di Giannini

Non solo la protesta degli studenti. Anche l'attacco dei sindacati, non invitati, a Bari come nel resto d'Italia, all'incontro con il ministro dell'Istruzione Giannini per la presentazione del piano "La buona scuola".

"Noi - scrivono in una nota i rappresentanti della FLC CGIL di Bari - c'eravamo lo stesso, sebbene non invitati e non graditi, come ci ha fatto intendere il ministro e lo stuolo di osservanti dirigenti dell’amministrazione: infatti non abbiamo potuto prender parte al dibattito programmato". "Avremmo voluto chiedere al Ministro cosa ne pensa dell’idea di lasciare a casa diritti di alunni e lavoratori, come accaduto e Bari e in altre parti d’Italia, proprio per le inefficienze della sua amministrazione; avremmo voluto chiedere conto dei blocchi contrattuali e delle ultime chicche contenute nella Legge di stabilità (esami di stato a gratis, ulteriori tagli agli ATA, riduzione dell’organico dell’amministrazione scolastica ministeriale, ecc.)". "Siamo comunque riusciti - proseguono - ad obiettare al Ministro alcune questioni che riteniamo urgenti e basilari. Innanzitutto, abbiamo fatto presente che il Governo sta utilizzando un metodo inaccettabile: non si confronta coi sindacati e pretende di modificare il nostro contratto di lavoro a colpi di decreto, senza un tavolo di confronto, senza l'accoglimento di proposte. Riteniamo che questo sia un grave errore di metodo, sintomatico di un clima autoritaristico che vuole marginalizzare il dissenso e che pretende di avere già in tasca tutte le ricette migliori. Abbiamo poi contestato l'impianto della riforma, che basa la carriera dei docenti sulla competizione per l'ottenimento dei cosiddetti scatti di competenza". "Il Ministro - aggiungono i sindacati - ci ha obiettato fumosamente che la competizione va intesa nel suo “significato etimologico di ricerca di un miglioramento comune, in cui la cooperazione è il modello a cui essa si associa”.  Peccato che il testo della riforma parli esplicitamente di concorrenza fra docenti per accumulare punti meritevoli di uno scatto stipendiale. Peccato che lo stesso testo inviti i docenti a spostarsi nelle scuole dove i colleghi hanno punteggi inferiori. Quello che ci chiediamo è: quale vantaggio potranno trarre gli studenti da una costante gara fra i loro insegnanti? Altro che cooperazione. Ognuno farà per sé, più di quanto già non succeda.  Il ministro Giannini ci ha anche accusati di scegliere di abbassare il livello dell'istruzione e di voler lasciare le scuole dove c'è disagio ai loro problemi. Ci sembra, invece, che questa sia proprio l'operazione a cui mira la proposta ministeriale, quando parla di finanziamenti privati alle scuole statali. Inutile chiedersi dove i finanziatori troveranno conveniente “metterci i soldi”: in una scuola disagiata di periferia con un'utenza difficile e indigente o in un Istituto prestigioso composto già da studenti buoni e bravi?".

Ma non c'è solo la critica della FLC Cgil. C'è anche la denuncia dell'Usb sulle presunte "irregolarità nelle graduatorie docenti" di due istituti scolastici, tra cui proprio l'Ettore Majorana' di Bari (in cui si è svolta la visita del ministro) e 'Sergio Cosmai' di Bisceglie. A renderlo noto è stato oggi il responsabile regionale dell'Usb-Scuola Puglia, Pino D'Ambrosio, con un comunicato in cui riepiloga l'intera vicenda, iniziata nell'anno scolastico 2012-2013. Stando alle denunce "alcuni dei docenti ammessi all'insegnamento - spiega il sindacato - erano privi dei requisiti di legge previsti per tale incarico". Il ministero ha disposto un'ispezione, attualmente in corso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giannini a Bari, FLC Cgil: "Sindacati non invitati, il ministro non ha risposto a nostre domande"

BariToday è in caricamento