Giovedì, 29 Luglio 2021
Politica

Omicidio Capone a Gravina: il sindaco Valente incontra il Prefetto Nunziante

Al centro del colloquio, lo stato della sicurezza in città e le indagini sul delitto. Le migliori unità investigative sono al lavoro per assicurare i criminali alla giustizia

E' stato ucciso la sera del 10 marzo 2014 davanti alla sua casa di Gravina, freddato da due colpi di pistola.  Ma ad assicurare alla giustizia gli assassini del 49enne Pietro Capone ci stanno pensando le migliori risorse dell’intelligence investigativa barese. E' quando emerso dall'incontro che si è svolto stamattina nella Prefettura di Bari, su richiesta del Sindaco gravinese Alesio Valente. Al centro del dibattito, lo stato di sicurezza nella cittadina murgiana e le indagini sull'omicidio che il Prefetto di Bari Antonio Nunziante ha definito "un fatto grave e odioso, deprecabile e da condannare".

Proprio per questo, ha continuato il Prefetto, sono state messe a disposizione "le più qualificate unità investigative della Terra di Bari" e l'impegno delle forze dell'ordine per assicurare i criminali alla giustizia è massimo. Lo stesso Nunziante si è dimostrato disponibile a un incontro con la comunità locale.

Nel frattempo nei prossimi giorni, a Gravina ci saranno ulteriori iniziative dedicate alla sicurezza. Per l’occasione, i vertici del ministero dell’interno raggiungeranno la cittadina e avvieranno un confronto con il Governo centrale sui temi della legalità, della prevenzione e dello sviluppo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio Capone a Gravina: il sindaco Valente incontra il Prefetto Nunziante

BariToday è in caricamento