Domenica, 13 Giugno 2021
Politica

Il Governo aumenta le tasse sul diritto allo studio. Aumenti anche in Puglia?

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Apprendiamo dall'analisi dell'ultima bozza di decreto legge sul diritto allo studio approvata dal precedente governo, che in questi giorni dovrà essere discussa alla camera, che sarà aumenta la tassa per il diritto allo studio sul territorio nazionale.

Il Governo precedente e l'attuale ministro Profumo hanno infatti intenzione di scaricare sugli studenti il peso del finanziamento per le borse di studio, l'anno prossimo infatti la tassa per il diritto allo studio varierà tra un minimo di 120 euro – solo per gli studenti che riceveranno la borsa - ad un massimo di 200 euro, oggi solo in 3 regioni (Piemonte, Liguria, Calabria) sono presenti tasse superiori ai 120 euro, mentre in tutte le altre regioni i valori sono ben più bassi (in Puglia, 77,47 euro).

Invece di finanziare il diritto allo studio pesantemente tagliato negli ultimi anni, si preferisce alzare le tasse agli studenti creando delle forti differenze tra le regioni, alcune delle quali saranno costrette ulteriori soldi agli studenti (che negli ultimi anni hanno registrato costanti aumenti tasse a fronte delle riduzioni del Fondo di Funzionamento ordinario), aumentando così le disuguaglianze e non permettendo una reale mobilità studentesca.

Il decreto sul diritto allo studio non è però l'unico uscito in queste settimane, recentemente il governo ha anche approvato una bozza di decreto sull'accreditamento dei corsi di laurea e delle sedi, che prevede la possibilità per l'Anvur (agenzia nazionale per la valutazione dell'università e della ricerca) di chiudere le sedi e i corsi che non rispetteranno i necessari criteri di merito.

Inoltre nel nuovo decreto per il reclutamento negli atenei si prevede di modificare il limite del 90% tra assegni fissi (stipendi) e Ffo (fondo di finanziamento ordinario) sforato il quale agli atenei non era permesso di assumere, abbassandolo all'80% e modificando l'indicatore calcolando quindi il rapporto tra assegni fissi e Ffo + tasse universitarie, gli atenei che vorranno assumere saranno quindi necessariamente costretti ad alzare le tasse agli studenti.

Proprio alla vigilia delle recenti dichiarazioni del ministro, che sottolineava come non fossero previsti ulteriori tagli ai finanziamenti per l'anno prossimo si svela il trucco del governo, infatti non si diminuiscono i fondi ma si alzano le tasse e si costringono gli atenei a fare lo stesso.

Il nuovo esecutivo si rivela anche peggiore di quello precedente, continua l'attuazione della riforma Gelmini senza parlare con nessuno, diversamente da quanto dichiarava ieri il ministro Profumo, e aumenta le tasse agli studenti sul diritto allo studio e all'iscrizione e regalando all'Anvur dei poteri assoluti.

Si costruisce così un un'università sempre più d'elité e sempre meno democratica, se si continuerà su questa strada il governo deve sapere che troverà gli studenti nelle piazze pronti a difendere il diritto allo studio e l'università pubblica.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Governo aumenta le tasse sul diritto allo studio. Aumenti anche in Puglia?

BariToday è in caricamento