Politica

Inchiesta su presunte tangenti in Regione, Laricchia: "Ancora una volta Emiliano gira la testa dall'altra parte"

La candidata presidente del M5S attacca il governatore dopo la notizia di un'indagine della Procura su presunte mazzette a funzionari della Regione per lavori per la mitigazione del dissesto idrogeologico

"Quanto apprendiamo dai giornali questa mattina in merito all’indagine della Procura di Bari per presunte tangenti che sarebbero state date da alcune aziende foggiane a funzionari della Regione per aggiudicarsi lavori per la mitigazione del dissesto idrogeologico, è gravissimo. Ringraziamo ancora una volta la magistratura (e ci è toccato farlo spesso in questi 5 anni) per il lavoro che sta svolgendo e siamo sicuri che verrà fatta la massima chiarezza sull’accaduto. Quello che però manca è una risposta politica: ancora una volta da Emiliano non abbiamo sentito mezza parola su questa indagine, così come si è sempre voltato dall’altra parte per tutte quelle che hanno visto o vedono ancora coinvolti i suoi assessori o uomini di fiducia (come in questo caso Elio Sannicandro, commissario delegato  per il dissesto idrogeologico, che figura tra gli indagati)".

Ad attaccare il presidente della Regione Michele Emiliano, dopo la notizia dell'inchiesta su presunte tangenti che coinvolge funzionari della Regione Puglia e il direttore dell'Asset, Elio Sannicandro, è Antonella Laricchia. 

"Eppure di parole sul dissesto idrogeologico - prosegue Laricchia nella nota -  questo fine settimana ne ha dette tante, quando si è ricordato della Capitanata, dopo averla dimenticata per 5 anni, usando i soldi pubblici stanziati per i lavori per il dissesto idrogeologico per farsi campagna elettorale. Proponiamo da sempre una gestione oculata delle risorse finalizzate agli interventi di mitigazione e contrasto del dissesto idrogeologico, un attento monitoraggio delle fasi di attuazione degli interventi e la garanzia della massima trasparenza nella gestione dei progetti ammessi a finanziamento, soprattutto alla luce dell’importanza di questi interventi per il nostro territorio che diviene sempre più fragile anche a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Proposte su cui siamo rimasti inascoltati, con risultati che sono sotto gli occhi di tutti".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta su presunte tangenti in Regione, Laricchia: "Ancora una volta Emiliano gira la testa dall'altra parte"

BariToday è in caricamento