rotate-mobile
Sabato, 20 Aprile 2024
Politica

Clan e influenze sulle Comunali 2019 a Bari, Laforgia: "Inchiesta che rafforza preoccupazioni, rischio inquinamento voto è trasversale"

Il candidato sindaco sostenuto dai partiti progressisti della 'Convenzione per Bari' interviene in merito all'indagine della Dda di Bari. Sulle primarie del centrosinistra: "Servono forme diverse dal passato per garantire voto libero e consapevole"

"La presunzione di non colpevolezza è un presidio fondamentale, europeo e costituzionale, dello Stato di diritto, che non può essere derogato da nessuno e in nessun caso, quali che siano i reati contestati. Le responsabilità personali saranno accertate in sede giudiziaria, nel rispetto delle garanzie dovute a tutti gli indagati. Le misure cautelari eseguite all’alba di stamattina, tuttavia, confermano e rafforzano le preoccupazioni che ho espresso da mesi per le prossime elezioni amministrative, anche per le primarie". Così in una nota, Michele Laforgia, candidato sindaco sostenuto nel centrosinistra dai partiti della 'Convenzione per Bari', interviene in merito all'inchiesta della Dda di Bari che ha portato alla luce una presunta influenza dei clan sulle elezioni comunali del 2019 a Bari. 

"Il fatto che siano sotto accusa candidati ed esponenti del centrodestra o del centrosinistra, ovvero transitati dall’uno o all’altro schieramento, dimostra soltanto che - prosegue Laforgia - come pure ho ripetuto più volte, il rischio di inquinamento del voto è trasversale e riguarda tutte le forze politiche".

"Sono in campo anche per questo - dice ancora Laforgia - nella piena consapevolezza del pericolo rappresentato dai tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nel tessuto economico e democratico della città e dal mercato del voto. La buona politica è il primo, fondamentale presidio di legalità, che non può essere limitato alla sanzione penale e delegato alla magistratura e alle forze dell’ordine. Confido che nelle prossime ore concorderemo con il candidato Sindaco del PD e tutte le forze politiche della coalizione modalità rigorose, con regole certe, per le prossime consultazioni Unitarie. La differenza dalle primarie non è soltanto lessicale: si tratta di individuare forme, diverse dal passato, per garantire l’esercizio del voto libero, consapevole e gratuito a tutte e tutti coloro che intendono prendervi parte. La mobilitazione democratica è l’unico, vero rimedio al potere dei clan".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Clan e influenze sulle Comunali 2019 a Bari, Laforgia: "Inchiesta che rafforza preoccupazioni, rischio inquinamento voto è trasversale"

BariToday è in caricamento