Internalizzazioni e stabilizzazioni, il centrodestra attacca Emiliano: "Porti il suo piano in Consiglio"

Forza Italia e Fratelli d'Italia indirizzano una nota al presidente della Regione: "Cinque anni a disposizione per procedere alle stabilizzazioni, tempistica induce perlomeno a sospetti e dubbi. Venga in Consiglio per una partita a carte scoperte"

Internalizzazioni e stabilizzazioni annunciate dalla Regione effetto di una strategia pre-elettorale? Ad avanzare i sospetti sono i consiglieri regionali del centrodestra. In una lettera firmata dai capigruppo Ignazio Zullo e Nino Marmo e da tutti i consiglieri regionali di Fratelli d'Italia ( Erio Congedo, Giannicola De Leonardis, Luigi Manca, Renato Perrini e Francesco Ventola) e di Forza Italia (Aldo Aloisi, Domenico Damascelli, Francesca Franzoso e Giandiego Gatta), l'opposizione esprime i propri dubbi, invitando Emiliano a chiarire in Consiglio regionale.

"Presidente Emiliano, a tre mesi esatti dalle elezioni, e messa momentaneamente da parte l'emergenza Covid-19, è entrata ormai nel vivo la sua giostra elettorale, con gli annunci di internalizzazioni, di stabilizzazioni di massa. La precarietà del lavoro e dell'esistenza stessa di una persona e di una famiglia rappresenta un problema troppo delicato e importante perché possa essere oggetto di una strumentalizzazione così disinvolta: e nessuno merita di essere ingannato, preso in giro o condizionato nella propria libertà di scelta e decisione, sarebbe un inganno e una sconfitta della democrazia.

Lei, presidente, e il suo esecutivo avete avuto a disposizione 5 interi anni per procedere alle stabilizzazioni, e la tempistica induce perlomeno a sospetti e dubbi. Per questo, alla luce di questa premessa, e per scongiurare il rischio di un'illusione di massa, di un'operazione che appare al momento come una navigazione in un mare aperto e tempestoso, la invitiamo, prima di procedere, a fare le cose per bene, se la volontà è davvero quello di garantire un futuro stabile a tanti precari storici, la nostra stessa volontà: portare tutto il suo piano occupazionale, l'impianto progettato per dare finalmente risposte concrete a migliaia di persone, in Consiglio regionale. Corredato dalle leggi regionali e nazionali, per discuterlo e se necessario addirittura migliorarlo, permettendo attraverso emendamenti a una platea ancora più vasta di essere assunta in pianta stabile, noi siamo prontissimi a fare la nostra parte: ma con il pieno rispetto delle normative vigenti, per evitare che i provvedimenti varati possano essere poi impugnati dal governo nazionale o davanti a un tribunale amministrativo. E che al danno di anni di colpevole disattenzione e mancata considerazione possa aggiungersi la beffa, tra qualche mese, di uno stop prevedibile che equivarrebbe a un ennesimo tradimento, per quelle persone che meritano rispetto nella loro dignità, non di essere blandite da diritti acquisiti spacciati per regali o gentili concessioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Venga allora in consiglio, presidente, insieme ai suoi assessori altrettanto impegnati in queste ore in annunci entusiastici. Vi aspettiamo per una partita a carte scoperte, senza bluff di sorta, perché la posta in gioco, il futuro di migliaia di pugliesi, è troppo alta anche e soprattutto rispetto ad altrettanti voti e consensi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Uccide fidanzato della ex, accoltella la ragazza e il padre della vittima. arrestato 26enne a Bitetto

  • Pestato brutalmente per strada, morto dopo due giorni di agonia in ospedale. arrestato pregiudicato al San Paolo

  • Operatrice positiva al Covid, chiude asilo nido a Bari

  • Positiva al covid rompe la quarantena ed esce a fare la spesa: denunciata una donna nel Barese

  • A Bari vecchia 38 positivi al Covid e Decaro mette in guardia i residenti: "A breve confronto con i gestori dei locali"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento