Mercoledì, 28 Luglio 2021
Politica

La risposta di "Fascismo e Libertà" al comunicato del Sel di Santeramo

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Pur avendoci provato, non siamo riusciti a soprassedere di rispondere al fantasioso e bizzarro comunicato di SEL, diffuso in giornata, vertente sulla loro contrarietà rispetto alla manifestazione nazionale indetta dal movimento "Forza nuova", che si svolgerà in alcune città italiane (tra cui anche Bari) domani 29 settembre.

Il comunicato infatti, oltre ad essere fantasioso, è anche ipocrita, se consideriamo che si ciarla di democrazia, ma, poco dopo, si chiede di vietare ad un movimento legalmente costituito di organizzare manifestazioni.

Attenzione però! Lo scopo di questo comunicato non è quello di prender le parti dei forzanovisti - in quanto, come dovrebbe essere ormai noto, essi, non hanno nulla a che fare con noi -, bensì quello di chiarire alcune errate asserzioni diffuse dallo stesso SEL.

Per prima cosa viene citata la questione relativa all'antifascismo, quando, in realtà, gli stessi forzanovisti hanno più volte esplicitamente dichiarato di non esser fascisti; la conferma di ciò la ritroviamo nei loro programmi, che, seppur siano in piccola parte condivisibili, e "filo-fascisti" in alcuni punti (lotta allo strapotere bancario, cenni di corporativismo), risultano - per la restante - essere in contrasto totale con l'ideale fascista. Codesta formazione politica è chiaramente collocabile nell'area della destra estrema, che - l'abbiam ribadito e continueremo a farlo fino allo sfinimento - non ha nulla da spartire con il fascismo, che, diversamente, rappresenta la terza via socialista nazionale.

Per quanto riguarda il - a detta vostra - "funesto passato", dispiace dirlo, ma avrete senz'altro sbagliato aggettivo. Ma... non si preoccupino i vendoliani! Chi, difatti, non si è fossilizzato sulle scarni e partigiane informazioni lette e studiacchiate sui libri scolastici scritti dai "professori" fautori "del '68", sa benissimo che quel passato - nonostante sia diminutivo qualificarlo con un solo aggettivo - potrebbe venir descritto solo da un termine: GLORIOSO.

Certamente, essendo il passato appunto "passato", non può tornare… però, una rivisitazione, con il relativo aggiornamento, e conseguente condivisione di QUEI VALORI e di QUELLE TEORIE, rappresenta - che si voglia oppure no - la "conditio sine qua non" perché la Nazione italiana possa tornare ad essere esportatrice di civiltà nel mondo (vedasi Impero Romano) e ad occuparsi nuovamente di se stessa, smettendo definitivamente di obbedire al "padrone europeo" che detta leggi anti-nazionali e antidemocratiche, creando debiti pubblici infiniti agli Stati appartenenti, e al "padrone americano", che, dopo 67 anni dalla fine della guerra, possiede ancora sul nostro suolo ben 113 basi militari pronte ad entrare "in azione" in caso di disobbedienza.

SEL, piuttosto che indignarTi tanto per una manifestazione che prescindendo dal movimento politico organizzatore, rimane una protesta popolare contro questo governo a servizio delle banche, bada a dare una smossa a questa amministrazione di ex-perdigiorno (ora stipendiati da noi, quindi non più disoccupati ) e politicanti ciarlatani.

Sono passati quasi 5 mesi da quando il Vostro Sindaco s'è insediato, ma, tranne qualche "striscia pedonale", qualche "buca rappezzata", e inezie di questo genere, di CONCRETO NON VEDIAMO NULLA.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La risposta di "Fascismo e Libertà" al comunicato del Sel di Santeramo

BariToday è in caricamento