Legge elettorale, Vendola annuncia ricorso di Sel alla Consulta

Il governatore: "E' un mostro giuridico, dal nostro punto di vista viola i principi fondamentali della democrazia"

Lo aveva detto subito dopo l'approvazione in Consiglio regionale: "Questa legge è un mostro giuridico". Lo ha ribadito oggi, nel corso dell'assemblea regionale pugliese del suo partito, annunciando il ricorso di Sel alla Consulta. Nichi Vendola va all'attacco contro la nuova legge elettorale.

"Sel - ha annunciato il governatore e leader del partito - reagirà facendo ricorso alla Corte Costituzionale perchè è una legge che dal nostro punto di vista viola principi fondamentali della democrazia".

In particolare, oltre alla bocciatura degli emendamenti sulla parità di genere, Vendola attacca la norma sullo sbarramento diversificato: dell'8% per le liste fuori dalle coalizioni, e del 4% per le liste interne alle coalizioni. "Sel farà ricorso - ha spiegato Vendola - contro l'idea che si possa soppesare in modo differenziato il voto degli elettori e contro il vulnus portato contro la domanda delle donne di poter partecipare alla vita politica. Democrazia significa potere del popolo non delle oligarchie e del genere maschile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia 'promossa' da domenica? Dati Covid in miglioramento, si va verso la zona gialla

  • Nuovo Dpcm: verso lo stop a spostamenti dai Comuni per Natale e Capodanno, dal 21 viaggi tra regioni solo per rientro nella propria residenza

  • Il Dpcm di Conte: la Puglia è arancione (gialla sotto Natale). Si torna a scuola il 7 gennaio. "No non conviventi in casa"

  • L'indice Rt scende sotto l'1 in Puglia e Lopalco risponde ai medici: "Non siamo regione da zona rossa"

  • La Puglia 'promossa' da zona arancione a zona gialla (nonostante l'Iss contrario): c'è l'ordinanza del ministro Speranza

  • Investe ciclista sulla ss16 e fugge, arrestata pirata della strada: positiva all'alcol test

Torna su
BariToday è in caricamento