Martedì, 15 Giugno 2021
Politica

Libera Puglia in assemblea: coinvolgere istituzioni e cittadini

Il report di Libera Puglia sull'assemblea 2011 tenutasi il 24 giugno a Bari. Obiettivo dell'associazione: rafforzare l'organizzazione sul territorio per coinvolgere i cittadini e sollecitare l'intervento delle istituzioni

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

"Un associazione viva che coinvolga un numero sempre crescente di soci, scuole e associazioni attive sul territorio. Una voce condivisa e più forte. In Puglia, Libera decide di crescere in termini numerici ed organizzativi, e di essere sempre più presente, partendo dai presidi che si muovono nelle varie province pugliesi da più di un anno. I delegati territoriali si sono riuniti per discutere e analizzare le possibilità di sviluppo sul piano regionale dei percorsi e delle attività di cui Libera è promotrice non solo in Italia, ma anche all’estero. Ulteriore auspicio emerso dall’assemblea annuale di Libera Puglia, è il rapporto con le istituzioni. Non si può intraprendere un percorso di “pugliesizzazione” di Libera senza il supporto e la piena partecipazione delle istituzioni, in particolare della Regione. A lottare contro le mafie in Libera sono avvocati e magistrati, insegnanti e studenti, ma anche pensionati, donne, famiglie, e altri ancora. Libera è lo specchio di come la cittadinanza attiva possa diffondere l’importanza delle parole e manifestare il valore delle azioni. Il ruolo politico delle istituzioni, insieme all’impegno della rete che Libera ha creato in questa regione, è fondamentale affinché si ricordino concretamente i nomi delle vittime innocenti per mafie (oltre quaranta in Puglia). Libera Puglia vuole sostenere i familiari delle vittime attraverso la creazione di un coordinamento e, attraverso l’operazione di memoria, svolgere un’azione di impegno sociale. Il lavoro di antimafia che Libera intende avviare sul territorio passa anche per la valorizzazione dei beni confiscati. In un momento come questo, dopo l’ingente sequestro dei beni ai clan, Libera manifesta la volontà di lavorare attivamente per e con i cittadini, le scuole, le associazioni e le istituzioni.

L’assemblea Libera Puglia ha eletto all’unanimità nuovo referente regionale Alessandro Cobianchi, il quale, succedendo a Don Raffaele Bruno, lo ha ringraziato per il lavoro svolto finora e per quello che si continuerà a costruire insieme. Fanno parte del coordinamento regionale anche: Attilio Chimienti, Mario Dabbicco, Daniela Marcone, Gloria Vicino e Marzia Papagna.

ALCUNE NOTE:
Libera Puglia ha avviato un censimento dei presidi nati nella regione. Sul territorio barese si contano più o
meno 200 soci distribuiti tra i presidi di Bari, Andria, Valenzano, Gioia del Colle, Binetto, Molfetta, Bisceglie.
Ad Adelfia, Barletta e Cassano sono in via di sviluppo. Quasi 800 sono invece i beni confiscati in Puglia. Per
approfondire il tema dei beni confiscati Libera consiglia il sito: https://www.beniconfiscati.gov.it/

Il 12 luglio a Bari commemorazione del giovane Michele Fazio, vittima innocente per mafie. Informazioni
dettagliate sul programma saranno inviate quanto prima."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Libera Puglia in assemblea: coinvolgere istituzioni e cittadini

BariToday è in caricamento