Paziente attende otto mesi per una Pet, Conca (M5S): "Andrà a Napoli, sempre più pugliesi fuori regione per curarsi"

La denuncia del consigliere regionale pentastellato, che replica al presidente della Regione e a Migliore, dg del Policlinico: "Segnalazione falsa? Non si tratta di un caso isolato, ma a Emiliano lista d'attesa non interessano"

"Purtroppo la signora Rosa sarà costretta ad andare a Napoli per sottoporsi alla PET, dove il figlio questa mattina ha prenotato per giovedì l’esame nel centro convenzionato partenopeo, se qui al Policlinico di Bari non le sarà garantito il diritto alla salute ad horas e l’accompagnerò io personalmente in segno di scuse a nome di tutta la Puglia". 

Dopo la denuncia sulla paziente costretta ad attendere otto mesi per una Pet al Policlinico, il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, Mario Conca, torna a parlare del caso, rendendo noto che la donna si accinge a recarsi a Napoli per eseguire l'esame e replicando al presidente della Regione Emiliano (che detiene anche la delega alla Sanità) e al dg del Policlinico Giovanni Migliore.

"Migliore ha detto che il tempo massimo di attesa per un esame diagnostico programmato - continua Conca - è di 180 giorni e non di 240. E questo dovrebbe rassicurare i pugliesi? Sei mesi sono una inifinità se pensiamo che si tratta di esami prescritti per sospetti tumori. Il dg nel caso specifico si è preso anche l’impegno di controllare personalmente la situazione della signora, ma ad oggi nessuno l’ha cercata ai numeri che gli avevo passato. Spero che mantenga la parola data, ma il problema è che non parliamo di un caso isolato".

Conca denuncia anche il caso di una paziente quarantenne, che ha subito un’isterectomia ad aprile dello scorso anno e a cui il medico ha prescritto con urgenza una PET, dopo aver fatto una TAC per indagare sulle cause dei dolori lancinanti postoperatori. Un esame che, afferma il consigliere cinquestelle, le è stato prenotato al Policlinico per il 12 agosto 2019. "La signora - incalza il pentastellato - è disperata. Peccato che a Emiliano sembra non interessare il problema delle liste d’attesa, dal momento che sono anni che non se ne occupa. Attendiamo fiduciosi la delibera di Giunta promessa da settimane, ma il timore è che sarà un provvedimento annacquato fatto per non spaccare ulteriormente la sua maggioranza e non mettersi contro i medici. Nel frattempo - conclude - i pugliesi per curarsi sono costretti ad andare fuori regione, aumentando i costi della mobilità passiva, sobbarcandosi i costi sociali e sottoponendosi a viaggi rischiosi per chi è già in precarie condizioni di salute, come la signora Rosa".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso il Dpcm del 3 dicembre, tra ipotesi di nuove restrizioni e deroghe per i ricongiungimenti familiari

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Scontro tra auto e bici sulla Statale 16 a Torre a Mare: muore ciclista 31enne

  • Tragico incidente sulla statale 16 a Bari: impatto tra auto e camion, muore donna

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Investe ciclista sulla ss16 e fugge, arrestata pirata della strada: positiva all'alcol test

Torna su
BariToday è in caricamento