Giovedì, 13 Maggio 2021
Politica

Lotta a racket e usura, in Comune uno sportello per aiutare le vittime

Le iniziative dello sportello 'Bari ascolta', avviato in collaborazione con l'associazione 'Libera' per fornire assistenza alle vittime e avviare un'attività di sensibilizzazione per incoraggiare chi subisce tali reati a denunciare

Fornire assistenza e supporto alle vittime di racket e usura, e promuovere iniziative di sensibilizzazione per incoraggiare chi subisce tali reati a denunciare. Sono gli obiettivi dello sportello 'Bari ascolta', attivato  dall’amministrazione comunale in collaborazione con il coordinamento regionale di Libera - Associazioni, nomi e numeri contro le mafie.

Questa mattina a Palazzo di Città si è tenuto un incontro per fare il punto sulle iniziative da adottare. Presenti alla riunione il sindaco Antonio Decaro, l’assessora allo Sviluppo economico Carla Palone, il comandante della Polizia municipale Stefano Donati, il coordinatore regionale di Libera Alessandro Cobianchi, il direttore generale di Unioncamere Puglia Angela Partipilo, i cinque presidenti di Municipio, il consigliere del sindaco per l’elaborazione delle politiche di antimafia sociale Stefano Fumarulo e il consigliere del sindaco per le politiche di promozione dell’attrattività turistica e commerciale Vanni Marzulli.

Primo passo sarà quello di unificare gli sforzi di Comune e Unioncamere, già promotore dello sportello SOS Giustizia, attraverso la creazione di uno sportello unico di ascolto e assistenza legale e psicologica. Si avvierà poi una campagna di comunicazione per far conoscere le attività dello sportello “Bari ascolta”, sia mediante i municipi sia attraverso il coinvolgimento delle associazioni di categoria e di tutte le altre realtà rappresentative del mondo di commercio ed imprenditoria sia, infine, con una campagna di sensibilizzazione da effettuare nei punti maggiormente frequentati della città.

“Siamo in attesa - ha commentato il sindaco Decaro - di conoscere i dati relativi al numero di denunce per estorsione e usura tra luglio 2013 e giugno 2014, che saranno divulgati in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario. Fermo restando che questi due reati difficilmente vengono denunciati dalle vittime, a Bari come nel resto d’Italia, l’amministrazione comunale continuerà a fare la sua parte rafforzando tutte le iniziative già in essere con la consapevolezza, però, che questi sforzi saranno vani fino a quando non si instaurerà un rapporto di fiducia e collaborazione con le categorie maggiormente esposte al rischio di restare o diventare vittime di racket e usura”.

Per informazioni è possibile contattare lo sportello al numero 329 9785045 oppure scrivere alla casella di posta elettronica bariascolta@gmail.com. Si riceve (solo su appuntamento) dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle 13 e dalle ore 15 alle 18.30.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta a racket e usura, in Comune uno sportello per aiutare le vittime

BariToday è in caricamento