menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emiliano: "Vittoria strepitosa. Non mi farò femare da nulla, ma coinvolgeremo le opposizioni"

Il neo governatore in conferenza stampa analizza il risultato elettorale: "Il Pd primo partito, ha preso più voti di cinque anni fa". Il messaggio a Renzi: "Mi occupero' solo della Puglia, ho bisogno dell'aiuto del governo"

Definisce il verdetto delle urne "una vittoria strepitosa, senza se e senza ma", ed esalta il risultato del Pd, "il primo partito della Puglia, ha preso più voti di cinque anni fa considerando che è diminuito il numero di consiglieri nel frattempo". A meno di 24 ore dalla sua elezione, il neo governatore della Puglia, Michele Emiliano, è pronto a dare inizio al suo mandato.

"Non mi farò fermare da nulla e da nessuno - assicura il neo eletto presidente della Regione - saremo però umili, il consiglio regionale è una assemblea legislativa e le opposizioni potranno dare il loro contributo positivo". "Ringrazio tutti gli avversari - ha proseguito Emiliano - perchè è stata una campagna elettorale regolare, senza insulti personali e tutti i candidati hanno lavorato sui contenuti. Certo - ha continuato - reagiremo al calo di interesse verso la politica con una legge regionale sulla partecipazione attiva".

I RISULTATI DEI CANDIDATI - PREFERENZE DI LISTE E CONSIGLIERI

Poi, rispondendo alle domande dei giornalisti, Emiliano ha raccontato di aver ricevuto un messaggio di congratulazioni da Adriana Poli Bortone, mentre ancora nessuna telefonata è giunta da Schittulli e soprattutto dal premier Renzi, al quale il neo governatore, rispondendo alle domande dei giornalisti, ha inviato indirettamente un 'messaggio': "Mi occuperò solo della Puglia", ha sottolineato Emiliano; "Ho bisogno dell'aiuto di Renzi, che si occupi di noi senza guardarci come una minaccia. Voglio che sappia che non c'e' alcun rischio di danno politico per lui se ci aiuta a governare bene in Puglia".

CONSIGLIO REGIONALE: ECCO I PRIMI NOMI

Intanto già ieri sera, appena appresi i primi risultati, Emiliano ha cercato una 'sponda' nel Movimento 5 Stelle (Antonella Laricchia entra in Consiglio regionale in quanto seconda candidata governatrice più suffragata), annunciando l'intenzione di affidare ai pentastellati l'assessorato all'Ambiente. Una proposta rispedita al mittente da Laricchia e oggi dallo stesso Beppe Grillo, il quale però ha aggiunto che il Movimento prenderà in considerazione punto per punto i provvedimenti che verranno portati in Consiglio. "Insisterò - ha detto Emiliano questa mattina - Voglio dimostrare a M5S e a Beppe Grillo che non si possono congelare i voti, il 20%, e che il solo fatto di esistere non determina un cambiamento. Il movimento Cinque stelle potrà occuparsi del ciclo dei rifiuti, dove abbiamo proposte simili, e assumersi quella responsabilità ma senza entrare nella coalizione. Il loro assessore potrà astenersi dagli altri provvedimenti di giunta".

Poi Emiliano, parlando della spaccatura interna al centrodestra, ha anche fatto accenno alla necessità di collaborare con le opposizioni per alcuni provvedimenti "Secondo me - ha detto in conferenza stampa - nel momento in cui hanno capito di aver perso le elezioni in Puglia hanno deciso di regolare i loro conti interni. Sarà importante ora incontrarsi tra forze politiche su progetti di legge da condividere, per esempio contro i lobbisti in politica e a favore di un albo dei lobbisti oppure per l'occupazione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento