Il consigliere Michele Sciacovelli invia lettere ai cittadini e chiede le dimissioni del presidente

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

IL SOTTOSCRITTO SCIACOVELLI MICHELE CONSIGLIERE DEL PRIMO MUNICIPIO DI BARI , HA DECISO DI INVIARE OLTRE 10.000 LETTERE A SUE SPESE AI CITTADINI BARESI PER SPIEGARE LA SITUAZIONE DELLA CHIUSURA DI VIA MARTIRI D'OTRANTO.

INOLTRE C'è UNA RICHIESTA DA MOLTI CITTADINI DI FAR PARTIRE SUCCESSIVAMENTE UNA RACCOLTA FIRME PER LE DIMISSIONI DEL PRESIDENTE DEL PRIMO MUNICIPIO IN QUANTO NON HA A CUORE I QUARTIERI CHE RAPPRESENTA .

AVVISO AI CITTADINI La messa in opera della nuova piazza del Redentore ha determinato, con l'attuale già parziale chiusura al transito di veicoli in via Martiri d'Otranto, una serie di problemi sia per il traffico cittadino che per la mancanza di posti auto per i residenti.La situazione peggiorerà con la chiusura del tratto di via Crisanzio di fronte alla scuola S.G.Bosco e la soluzione della disposizione a spina di pesce nel primo isolato di C.so Italia è solo una presa in giro.Purtroppo, la zona è frequentata da tanti ragazzi "difficili" che già scorazzano sulla piazza esistente con biciclette a tutta velocità e organizzano partite di calcio incuranti della presenza di famiglie e ragazzi che cercano di sostarvi per non parlare di inseguimenti armati come l'ultimo episodio culminato con la sparatoria che ha provocato l'uccisione di un giovane albanese. Questi ragazzi "disadattati" sono la dannazione degli abitanti della zona che diventano oggetto di vessazioni con urla,lancio di uova sui balconi, rottura di veicoli e tante minacce. La realizzazione di una grande piazza, senza presidio, significa PEGGIORARE LA CONDIZIONE DI VIVIBILITA' DEI RESIDENTI.Come pensare di avere un presidio fisso di vigili dopo aver osservato cosa succede al giardino "Mimmo Bucci" totalmente abbandonato e terra di nessuno.QUESTE SONO LE GARANZIE DEL SINDACO PER I CITTADINI?E' vero che i ragazzi,con la nuova piazza, vedrebbero eliminato il problema dell'attraversamento della strada, ma per ottenere un obiettivo,certamente importante,si determina un male peggiore.Si vuole elevare il livello culturale dei cittadini del quartiere utilizzando la piazza con attività ricreative e culturali, ma chi ci garantisce la sicurezza che è prioritaria agli altri vantaggi?Non parliamo poi di posti macchina e traffico stradale che intorno alla piazza diventerebbe caotico. Prima di ogni progetto ,bisogna considerare la vivibilità con le caratteristiche del particolare quartiere in cui viviamo.La gradualità della crescita culturale, da promuovere senza dubbio, deve essere prioritariamente accompagnata da idee chiare e certe che devono garantire la sicurezza di tutti i cittadini. VOGLIAMO RIVEDERE SUBITO IL GIARDINO MIMMO BUCCI RISPLENDERE COME ALL'INIZIO E CON UN CONTROLLO GARANTITO E CONTINUATIVO. BASTA! BASTA! BASTA! BASTA! BASTA! BASTA! BASTA! BASTA! BASTA! CON LE TANTE PROMESSE E SENTIRSI DIRE CHE NON CI SONO FONDI. I FONDI PER REALIZZARE LA PIAZZA CI SONO?A CHI INTERESSA ESEGUIRE QUEI LAVORI? QUANTO COSTANO? SONO QUESTE LE RISPOSTE CHE I CITTADINI ATTENDONO. ALLORA FACCIAMOCI SENTIRE E DICIAMO NO ALLA PIAZZA REDENTORE FINCHE' NON VENGONO DATE AI CITTADINI RISPOSTE CERTE SULLA SICUREZZA,SULLA VIABILITA' E SUL RIPRISTINO DELLE CONDIZIONI DI VIVIBILITA' DEL GIARDINO MIMMO BUCCI.Partecipiamo tutti alla raccolta di firme per ottenere dal Sindaco De Caro le risposte dovute prima che si proceda Alla pedonalizzazione della zona. IL CONSIGLIERE DEL I MUNICIPIO DI BARI MICHELE SCIACOVELLI

VI RINGRAZIO PER LA VOSTRA ATTENZIONE.

I più letti
Torna su
BariToday è in caricamento