Il ministro Speranza a Bari: "Covid? Luce in fondo al tunnel. Bisogna resistere un altro po' di mesi"

Intervistato dai giornalisti, ha fatto il punto dell'epidemia di covid-19 parlando anche della possibilità di abbassare il numero di giorni di quarantena: "Sono valutazioni che fanno i nostri scienziati. Sul piano di rientro della sanità: "Puglia promossa"

"Io vedo la luce in fondo al tunnel, penso che da qui a un po' di mesi avremo notizie incoraggianti dal mondo scientifico ma in questi mesi dobbiamo resistere. I comportamenti di ciascuno sono davvero fondamentali". A parlare è il ministro della Salute Roberto Speranza che stamane a Bari ha avuto un incontro con il governatore pugliese e candidato alle Regionali 2020 Michele Emiliano per parlare della sanità pugliese.

Speranza, intervistato dai giornalisti, ha fatto il punto dell'epidemia di covid-19 parlando anche della possibilità di abbassare il numero di giorni di quarantena, come fatto in Francia: "Sono valutazioni che fanno i nostri scienziati. C'è un confronto in corso a livello internazionale, ne abbiamo parlato nell'ultima riunione di tutti i ministri della Salute. Il nostro Cts, il comitato tecnico scientifico, ha le qualita', le competenze, l'esperienza per poter valutare fino in fondo e si cercherà un equilibrio anche in questo caso, tra la comprensione di quale rischio in piu' ci si assume nel caso di una riduzione dei giorni di quarantena e la situazione epidemiologica del Paese e gli eventuali anche benefici per il Paese di una scelta di questa natura".

Sulla questione del piano di rientro della sanità, Speranza ha espresso giudizi lusinghieri sulla regione: "Penso che la Puglia ha fatto un lavoro molto importante. I nostri tecnici del Ministero della Salute ritengono che per quello che riguarda i livelli essenziali di assistenza che per noi sono una cosa fondamentale, la Puglia è fuori dal piano di rientro io penso che questa sia la mattonella per la fase di riforma che ora sta arrivando.Avremo la possibilità di riformare il servizio sanitario nazionale - ha aggiunto - con un arrivo di risorse molto significative e dobbiamo farlo insieme. Il lavoro prezioso, fatto dalla Puglia, che porta all'uscita dal piano di rientro ci consente di avere la base su cui provare poi a rilanciare fino in fondo il servizio sanitario nazionale". 

Anche uil governatore Emiliano ha accolto con favore l'annuncio di Speranza: "Oggi il ministro ci ha dato comunicazione degli esami tecnici del ministero sul quinquennio della amministrazione del sistema sanitario pugliese. I risultati sono lusinghieri: siamo fuori da ogni necessità di controllo da parte del ministero. Dopo 20 anni di difficoltà enormi, partiti nel 2000 a causa del dissesto economico provocato dalle amministrazioni dell'epoca, passato dalle emissioni dei bond per sostenere il bilancio regionale, dal blocco delle assunzioni, abbiamo non solo ricostruito la sanità pugliese - ha evidenziato il governatore - abbiamo ricostruito le reti, aumentato di 1255 i posti letto, li abbiamo distribuiti in modo equivalente tra le varie province, ma abbiamo anche tenuto i conti secondo quanto previsto e questo, ovviamente, significa che abbiamo amministrato al meglio ciò che ci era stato consegnato in condizioni pessime. Questo per noi eèuna enorme soddisfazione, ma anche una smentita di tutte le sciocchezze che sto ascoltando in questi giorni" ha concluso Emiliano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso il Dpcm del 3 dicembre, tra ipotesi di nuove restrizioni e deroghe per i ricongiungimenti familiari

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Scontro tra auto e bici sulla Statale 16 a Torre a Mare: muore ciclista 31enne

  • Tragico incidente sulla statale 16 a Bari: impatto tra auto e camion, muore donna

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Investe ciclista sulla ss16 e fugge, arrestata pirata della strada: positiva all'alcol test

Torna su
BariToday è in caricamento