Giovedì, 24 Giugno 2021
Politica

Rifiuti abbandonati in strada, il sindaco proroga l'ordinanza

Prorogata fino al 31 dicembre 2011 l'ordinanza che conferisce agli operatori dell'Amiu il potere di multare i cittadini sorpresi ad abbandonare rifiuti in strada. Si rischiano multe fino a 200 euro e l'arresto fino a tre mesi

Abbandonare i rifiuti in strada a Bari sarà ancora considerato un reato penale. Il sindaco Emiliano ha prorogato ieri l'ordinanza in materia di smaltimento illegale dei rifiuti emanata esattamente un anno fa. Il provvedimento, che sarà valido fino al 31 dicembre 2011, conferisce agli operatori dell'Amiu (che hanno frequentato uno specifico corso di formazione a luglio dello scorso anno) il potere di multare i cittadini sorpresi ad abbandonare i rifiuti in strada o a conferire i sacchetti della spazzatura in orari diversi da quelli consentiti.

In particolare, azioni come lo spostamento dei cassonetti della spazzatura, l'abbandono dei rifiuti al di fuori degli stessi o per strada, la mancata raccolta delle deiezioni canine oppure l'abbandono dei rifiuti ingombranti vengono equiparate ai reati previsti nell'articolo 650 del codice penale (inosservanza dei provvedimenti dell'autorità) e sono quindi punibili con un'ammenda fino a 206 euro o con l'arresto fino a tre mesi. Prevista invece una multa di 50 euro per chi non rispetta gli orari stabiliti per il conferimento dei rifiuti, ovvero prima delle 18.30 in estate.

L'ordinanza prevede inoltre che i cittadini che abbiano necessità di disfarsi di rifiuti ingombranti debbano concordarne il ritiro con l'Amiu, che a tale scopo ha attivato il numero verde 800-011558. Coloro che non rispetteranno questa disposizione potranno essere sanzionati, così come gli operatori dell'AMIU che non provvederanno a effettuare il recupero entro le 24 ore previste, saranno passibili di condotta omissiva.

Un altro punto specifico dell'ordinanza riguarda lo smaltimento dei RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche), affidato agli stessi rivenditori di elettrodomestici, che dovrebbero occuparsi di ritirare i vecchi apparecchi  dal cliente al momento della consegna di quelli nuovi, portando nelle isole ecologiche appositamente predisposte dall'Amiu. Per sensibilizzare i cittadini sull'importanza del corretto smaltimento dei RAEE, Legambiente Puglia ed Ecodom hanno lanciato in questi giorni la campagna RAEEporter 2.0, chiedendo ai cittadini di fotografe e segnalare tutti i rifiuti di questo genere abbandonati nei diversi punti della città.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti abbandonati in strada, il sindaco proroga l'ordinanza

BariToday è in caricamento