Politica

Nessun affidamento di beni pubblici ai condannati: il Consiglio respinge

Tensione in aula a seguito della proposta presentata da Forza Italia e poi bocciata

Impedire ai condannati sulla base della legge Severino, e a chi abbia precedenti per vandalismo, di gestire spazi pubblici. Richiesta non accolta dal Consiglio comunale. La proposta emendativa presentata da Forza Italia, e riguardante la collaborazione tra cittadini e amministrazione "per la cura e la rigenerazione dei beni pubblici", è stata ieri pomeriggio bocciata dal consiglio comunale di Bari.

Baruffa in aula e polemiche a non finire con opposizione e maggioranza che se le sono date di santa ragione. Tensione alle stelle e banco di prova importante per la giunta Decaro che ieri ha affrontato la discussione sulla sicurezza. Dodici consiglieri favorevoli alla proposta, dodici contrari e tre astenuti e così la proposta è stata bocciata in quanto, a parità di voti, l’emendamento si considera da affossare. La settimana scorsa proprio su questa votazione il numero legale venne meno scontentando ampie porzioni dell’opposizione tra cui gli esponenti del Movimento 5 Stelle.

Sulla sua pagina facebook , il consigliere Fabio Romito (FI), autore dell’emendamento, si è detto sconcertato per il comportamento assunto dalla  maggioranza anche nel proseguo della discussione: “Dopo aver bocciato l'emendamento che avevo presentato a favore della legalità per impedire a condannati e vandali di avere le chiavi di immobili pubblici, il sindaco, sulla questione sicurezza, sentendosi offeso del mio intervento ha abbandonato l'aula”. “A suo dire – continua Romito -   in città l'emergenza sicurezza non esiste, e anzi i reati diminuiscono. Io gli ho risposto che allora esistono 320 mila pazzi visionari che si sentono costantemente in pericolo e che quotidianamente devono sopportare scippi, rapine, furti in appartamento, zone franche dedite allo spaccio, aggressioni di ogni sorta”. 

L’impressione generale è che il dibattito prosegua anche nei prossimi giorni fuori dall’aula. La maggioranza Decaro ha tenuto ma è chiaro che sul tema della gestione dei beni pubblici e il loro affidamento le polemiche non finiscono qui.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nessun affidamento di beni pubblici ai condannati: il Consiglio respinge

BariToday è in caricamento