Politica

Rimpasto in Regione, malumori nel Pd. Blasi: "Gli assessori sospendano l'adesione a nuova giunta"

Il segretario regionale invita gli assessori del partito nominati da Vendola a fare un passo indietro. La replica del governatore: "Se il Pd ritiene che questa giunta sia una menomazione delle sue prerogative dovrà trovarsi un nuovo presidente"

Vendola vara la nuova giunta regionale, e  polemiche e malumori non tardano ad arrivare. Ma ad attaccare il governatore non è soltanto il Pdl, che ha accusato Vendola di aver messo insieme una nuova squadra di governo debole dal punto di vista politico. Il malcontento, infatti, serpeggia anche nel principale alleato di Vendola, il Pd, che ha giudicato incomprensibili molte scelte del governatore. tanto che il segretario  regionale del partito, Sergio Blasi, in serata è arrivato a chiedere agli assessori Pd nominati da Vendola di sospendere la loro adesione alla nuova giunta in attesa di una discussione interna al partito.

BLASI: "SCELTE DA CHIARIRE" -  "Premesso che il Pd non discute di poltrone ma di programmi, sento la necessita' politica di invitare gli assessori del Pd indicati a sospendere la loro adesione prima di una discussione collegiale nel partito", ha detto Blasi. "Le scelte operate dal Presidente Vendola sono infatti ancora tutte da chiarire - prosegue Blasi - vorrei comprendere il motivo che ha determinato la revoca della carica di vice Presidente a Loredana Capone, l'estromissione degli assessori Amati e Dentamaro, e soprattutto il cambio di una importante e strategica delega come quella dei Trasporti per Guglielmo Minervini; un assessore che in questi mesi non semplici dal punto di vista personale, non ha mai fatto venir meno la sua dedizione istituzionale e politica. In una fase poi di grande dibattito sull'abbattimento dei costi della casta - sottolinea Blasi - risulta contraddittoria l'evocazione di una drastica riduzione del numero degli assessori con l'insistenza di nominarne ben 5 assessori esterni, provocando inevitabilmente un proliferare dei costi del consiglio regionale. Sarebbe stato piu' coerente attenersi alle regole gia' oggetto di autoriforma e previste per la prossima legislatura - conclude - con l'abbattimento del numero complessivo di assessori a 10 di cui soltanto due esterni".

VENDOLA: "LE MIE DIMISSIONI A DISPOSIZIONE" - A stretto giro è arrivata però la replica del governatore, che in mattinata, presentando la nuova squadra di governo, aveva parlato di una "giunta da combattimento" costituita per "rendere più efficace l'azione di governo". E di fronte alle contestazioni del Pd, il governatore ha rivendicato l'autonomia delle sue scelte. "Se il Pd ritiene che questa giunta sia una menomazione delle prerogative del partito di maggioranza relativa -ha detto - e propone di limitare l'autonomia del presidente della giunta, poco male: al Pd toccherà trovarsi non solo un nuovo governo, ma soprattutto un nuovo presidente. Le mie dimissioni sono a disposizione".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rimpasto in Regione, malumori nel Pd. Blasi: "Gli assessori sospendano l'adesione a nuova giunta"

BariToday è in caricamento