rotate-mobile
Politica

Insulti contro il ministro Valditara davanti a scuola barese, Lega: "No a battaglie con le minacce"

L'episodio segnalato dal consigliere regionale Fabio Romito: "Ho chiesto subito rimozione, ma a pulire dovrebbero essere gli autori". Toccalini (Lega Giovani): "Ci sono ben altri modi di protestare"

Una scritta offensiva sul muro davanti alla scuola, rivolta al ministro dell'Istruzione, Giuseppe Valditara. Accade a Bari e a segnalare l'episodio è Fabio Romito, consigliere regionale della Lega. "Giù le mani dal ministro", scrive su Fb Romito. "Per intenderci il Ministro Valditara è lo stesso che ha sbloccato i contratti di professori e personale ATA - un provvedimento atteso da anni, realizzato in pochi giorni di lavoro  - ed è lo stesso che finalmente parlato senza ipocrisia del comunismo e dei suoi orrori. Gli autori di questo scempio saranno certamente figli di papà con i soldi in tasca, senza la minima cognizione della storia. Ho chiesto che la scritta sia rimossa, quando in realtà a pulire dovrebbero essere gli stessi autori, se non impegnati a fumarsi qualcosa", conclude.

Sull'episodio è intervenuto anche il deputato Luca Toccalini, coordinatore nazionale della Lega Giovani. "Agli studenti di Bari, ma non solo, lo dico da giovane - scrive in una nota - ci sono ben altri modi per protestare e far valere le proprie ragioni. Imbrattare i muri con scritte ingiuriose e immagini assurde di un nostalgico comunismo, sono semplicemente atti stupidi che alimentano inutilmente l’odio. Non si portano avanti le battaglie minacciando le persone. Al ministro Valditara va tutta la mia solidarietà e il ringraziamento per aver già dato prova del suo spessore istituzionale e umano".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Insulti contro il ministro Valditara davanti a scuola barese, Lega: "No a battaglie con le minacce"

BariToday è in caricamento