Politica

Omicidio di Benedetto Petrone, sit in di Alternativa Comunista contro l'arrivo del ministro Minniti

La protesta, questa mattina, in corso Vittorio Emanuele, in occasione della presenza dell'esponente di governo, domani, al teatro Petruzzelli, per l'appuntamento nel ricordo del giovane militante ucciso 40 anni fa

Protesta, questa mattina, in corso Vittorio Emanuele, degli attivisti di Alternativa Comunista contro la visita del ministro dell'Interno Marco Minniti prevista per domani in occasione della proiezione, al teatro Petruzzelli, di uno degli appuntamenti per il quarantennale dalla morte di Benedetto Petrone, il giovane militante comunista barese ucciso il 28 novembre 1977 in pieno centro da un gruppo di fascisti. Gli attivisti hanno manifestato davanti alla sede del quotidiano La Repubblica che ha realizzato il videoracconto su Petrone: il lavoro sarà proiettato domani nel politeama barese proprio alla presenza del ministro che affronterà il tema dell'avanzata delle destre in Europa.

Omicidio Petrone, Bari non dimentica: cinque giorni di iniziative

"Riteniamo una provocazione il fatto che il ministro dell’Interno, Marco Minniti, espressione di politiche repressive e razziste, venga a Bari a parlare di Benedetto Petrone" ha affermato il coordinatore di Alternativa Comunista Puglia, Michele Rizzi: "Minniti - ha aggiunto - uomo di centrosinistra che piace alla destra, non c'entra proprio niente con i valori di lotta per i diritti che incarnava Benedetto". Alla protesta hanno preso parte anche il collettivo studentesco Athena, i rappresentanti della Ex Caserma Liberata, e il collettivo 'Non solo Marangè.Domani previsto un corteo con partenza da piazza Umberto".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio di Benedetto Petrone, sit in di Alternativa Comunista contro l'arrivo del ministro Minniti

BariToday è in caricamento