Martedì, 27 Luglio 2021
Politica Palese - Macchie

Palese-Santo Spirito, il Pdl contro Emiliano: "Quartieri abbandonati e traditi"

Il coordinatore cittadino del partito, d'Ambrosio Lettieri: "I cittadini della I Circoscrizione vittime delle promesse mancate del sindaco e del suo fallimento"

Dal mancato finanziamento del progetto per l'interramento dei binari alle istanze inascoltate sull'autonomia, passando attraverso la mancata bonifica del Lascito Garofalo: tutti simboli del fallimento dell'azione di governo di Emiliano e del suo 'tradimento' nei confronti dei cittadini di Palese e Santo Spirito.

Ad attaccare il sindaco è il senatore Luigi d'Ambrosio Lettieri, coordinatore cittadino del Pdl, che nei giorni scorsi ha organizzato nella I Circoscrizione un incontro dal tema "Il tradimento di un territorio, il fallimento di Emiliano". Il dibattito ha preso spunto dalla crisi che si è aperta all'indomani delle dimissioni del presidente, Di Liso, il quale aveva spiegato la sua scelta con l'impossibilità di dialogare e collaborare con il sindaco Emiliano.

"I territori di Bari Palese e Santo Spirito - ha detto D'Ambrosio Lettieri - vivono sulla propria pelle gli effetti di questo tradimento che oggi, dopo le dimissioni del presidente della I^ Circoscrizione, Di Liso – uno di loro, per intenderci, che prende le distanze e rifiuta le ennesime avances propagandistiche del Sindaco – ci impone una reazione immediata per il bene della collettività".

"I numeri - ha poi continuato - parlano da soli e sono impietosi con l’amministrazione Emiliano: nel 2012 il Piano Triennale per le Opere Pubbliche prevedeva interventi sui territori di Palese e Santo Spirito, pari all’1%, mentre, nel 2014, addirittura, la percentuale si attesta sullo 0,14. Dati allarmanti se si incrociano anche con un altro tema, che è quello del nodo ferroviario che per il Nord barese è rimasto un nodo scorsoio al collo dei cittadini".

"Ritengo che chi faccia promesse e poi le disattenda - ha concluso il segretario cittadino del Pdl - non si possa ripresentare agli elettori e che chi saccheggi le risorse pubbliche non sia mai giustificabile. Di fronte ai cittadini vessati da sacrifici insostenibili, non c’è più spazio per le promesse, ma solo per le azioni dettate dalla buona politica".


Nel frattempo, per evitare ulteriori sprechi di risorse pubbliche, i consiglieri della I Circoscrizione hanno chiesto e ottenuto che le elezioni si tengano in concomitanza con la prima tornata elettorale utile (e quindi non entro 90 giorni, come previsto dal regolamento).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palese-Santo Spirito, il Pdl contro Emiliano: "Quartieri abbandonati e traditi"

BariToday è in caricamento