menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Municipi, via libera alla riforma. Emiliano: "Dimezzati i costi della politica"

La delibera approvata ieri a tarda sera dal Consiglio comunale: le nove Circoscrizioni saranno sostituite dai cinque nuovi Municipi. Soddisfatto il primo cittadino. Il risparmio derivante da questa riforma è stimato in circa 1.169.000 euro; i consiglieri circoscrizionali passano da 143 a 81

Cinque Municipi al posto delle attuali nove Circoscrizioni. Con la delibera approvata ieri a tarda sera dal Consiglio comunale il regolamento sul decentramento amministrativo è diventato realtà. Una riforma dall'iter travagliato, che aveva visto nei mesi scorsi divisioni anche all'interno della stessa maggioranza, poi ricomposte grazie alla mediazione dello stesso sindaco Emiliano che era approdata al disegno - poi approvato - dei 5 Municipi.

"Un risultato storico per la Città - ha commentato il sindaco Emiliano presentando oggi in conferenza stampa la delibera - che consente di avvicinare ancora di più le istituzioni ai cittadini, di abbattere i costi della politica, di orientare tutta la macchina amministrativa a maggiore efficienza. Un risultato importante anche dal punto di vista politico, non solo perché abbiamo mantenuto uno dei principali impegni programmatici della nostra Amministrazione, ma anche perché i consiglieri di maggioranza, compatti, hanno dimostrato sino all’ultimo di mettere al centro della loro azione il bene comune e non il loro personale interesse. Ieri abbiamo scritto una bella pagina della storia di questa città".

La riforma sul decentramento, ha spiegato l'assessore al ramo Mara Giampaolo, permetterà un risparmio per il bilancio dell'ente stimato in  1 milione 168mila euro. "L’istituzione dei Municipi - ha chiarito Giampaolo - risponde alla necessità di rivedere l’attuale sistema di decentramento in termini di maggiore autonomia funzionale ed organizzativa dei territori decentrati - afferma l’Assessore Mara Giampaolo - alla luce degli importanti limiti riscontrati nel modello attuale di decentramento legati alla eccessiva frammentazione dei territori (9 Circoscrizioni) e all’eccessivo dispendio di risorse, non sostenibile in un contesto di crisi economica come quello attuale".

La riforma prevede anche la riduzione del numero di consiglieri circoscrizionali, che passeranno da 143 a 81.

Il regolamento istitutivo dei Municipi verrà applicato per fasi: saranno subito operative le norme che consentono l’elezione diretta di 5 Presidenti e di 5 consigli dei Municipi. Con la proclamazione degli eletti dei Municipi diverranno invece operative tutte le altre norme del regolamento, ad esclusione di quelle che prevedono l’assegnazione di nuove funzioni ai Municipi e che, come previsto da un emendamento approvato ieri in Consiglio Comunale, diverranno operative a seguito della riorganizzazione degli uffici comunali al massimo entro il 31 dicembre 2014, secondo un cronoprogramma dettato dal Direttore generale ed approvato dal Consiglio comunale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Vendita e Affitto

Attico di lusso nel cuore di Bari: un sogno a due passi dal mare dove il fascino dell'antico si sposa all'eleganza del moderno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento