menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Puglia in arancione, Fitto: "Non per accontentare Emiliano, ma per ingressi in terapia intensiva e mortalità"

L'esponente di Fratelli d'Italia attacca: "Comodo fa credere che avvenga una contrattazione sui colori, ma non è così. In Puglia siamo messi male per colpa di chi preferisce spendere 17 milioni in Fiera, piuttosto che investire su medicina territoriale e prevenzione"

"A qualcuno fa comodo far credere che fra Roma (Ministero della Salute) e Bari (Regione Puglia) avvenga una sorta di contrattazione sui colori e che alla fine la decisione venga presa per accontentare chi è “contento” di restare così. Non è così!". Raffaele Fitto va all'attacco di Emiliano dopo gli ultimi dati del monitoraggio Iss-Ministero della Salute, che hanno indicato la permanenza della Puglia in zona arancione, almeno per un'altra settimana.

"La Puglia resta Arancione perché siamo la regione che ancora ieri aveva il più alto numero di ingressi in terapia intensiva: 21 - rimarca in una nota l'europarlamentare esponente di Fratelli d'Italia -  La Lombardia - che ha 10 milioni di abitanti ed è la regione più colpita dal Covid in Italia - ne ha avuti 15. Il Veneto (altra situazione critica con 5 milioni di abitanti) 14. Ma le comparazioni in negativo con le due regioni del Nord, in zona GIALLA, sono tante: in Puglia abbiamo oltre 51mila positivi, in Lombardia 48mila e in Veneto 28mila. Senza contare, che fin dall’inizio della pandemia evidenziamo un tasso di mortalità in Puglia più alto rispetto ad altre regioni del Centro-Sud. Sono questi solo alcuni dei tanti indicatori che ci penalizzano".

"Insomma - prosegue Fitto  è il sistema sanitario pugliese che non è in grado di reggere una zona con più aperture di attività e possibilità di poter uscire dalla propria regione. Non è per accontentare Emiliano che la Puglia rimane Arancione, ma perché siamo messi male per colpa proprio di chi preferisce spendere 17,5 milioni di euro (e forse più) in un Ospedale Covid nella Fiera del Levante di Bari per 14 posti letti di terapia intensiva, piuttosto che investire su medicina territoriale e prevenzione", attacca.

"E a pagare il prezzo - conclude l'esponente di FdI - sono i nostri bar e ristoranti costretti ad essere aperti ma solo per fare asporto o domicilio, sono i nostri commercianti che durante i saldi possono lavorare solo con i residenti del proprio Comune, sono gli artigiani che non riescono più a promuovere i loro prodotti made in Puglia. Un intero sistema economico che vive un momento drammatico. Un danno enorme e incalcolabile per un intero sistema economico che noi di Fratelli d’Italia denunciamo da tempo".


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lolita Lobosco, Bari in tv è bellissima ma sui social piovono critiche:"Quell'accento una forzatura, noi non parliamo così"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento