Mercoledì, 28 Luglio 2021
Politica

Puglia e Basilicata: la rotta "pirata" verso la "rete dei cittadini"

Da qualche mese si segue con attenzione l'evoluzione politica dei Pirati in Italia e, sorprese a parte, ci si avvia verso un percorso politico ben chiaro per questo gruppo che non si può certo catalogare come un semplice fatto di costume. Il Movimento Pirata Italiano (www.movimentopirata.com) ha sempre mantenuto una posizione costante e coerente con quanto ha sempre dichiarato. La conferma arriva nell'apprendere che lo stesso Movimento Pirata Italiano si presenterà alle elezioni nazionali 2013 con la Rete dei Cittadini (www.retedeicittadini.it). E' quanto ha anche dichiarato il portavoce dello stesso Movimento Pirata, l'altamurano Mimmo Moramarco, che considera con forza una scelta coerente e che conferma la presa di posizione nei confronti di tutte le sigle politiche nazionali. Molto chiare le Sue parole : "Rispetto ad altre realtà che si professano "pirata" , il Movimento Pirata Italiano è l'unico dalla parte dei cittadini e contro i poteri forti. Di quì, senza perdere la propria "identità pirata", la scelta di confluire nella Rete dei Cittadini formata da gente comune. Poi la Rete dei Cittadini ha già dato prova di una politica formata dal basso nelle precedenti elezioni nel Lazio, dove si ripresenta più forte di prima e con un Candidato Presidente vicino ala gente comune". Abbiamo diversi punti programmatici in comune e diversi obbiettivi "salva Italia" e questo ha favorito ulteriormente questo sodalizio politico. La Rete dei Cittadini è presente in tutta Italia e, tramite il Movimento Pirata e altri pugliesi e lucani che aderiranno, anche in Puglia e Basilicata si avrà la possibilità di collaborare con proposte e idee atte allo sviluppo del nostro territorio" . I Pirati, come del resto anche la Rete dei Cittadini, non hanno nessuna forza economica alle spalle e li rende liberi da ogni condizionamento e perfettamente coscienti del fatto che è un semplice tentativo fatto con il cuore e amore per la propria terra e che questo arrivi agli elettori" .

Il Movimento Pirata italiano quindi, in concerto con la Rete dei Cittadini, avrà le proprie candidature alla Camera e al Senato e sarà una bella novità visto il collaudato spirito di "democrazia liquida" che i Pirati da tempo pubblicizzano. A parte questo, solo una cosa ad oggi è certa : in questa imminente tornata elettorale nazionale, la mobilitazione popolare si farà sentire in tutte le sue forme.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Puglia e Basilicata: la rotta "pirata" verso la "rete dei cittadini"

BariToday è in caricamento