Sabato, 31 Luglio 2021
Politica

PugliaPromozione, Godelli replica a Palese: "Sugli arredi non fa bene i conti"

L'assessore al Turismo risponde alla seconda interrogazione del capogruppo Pdl, che aveva denunciano costi per l'acquisto degli arredi spropositati rispetto al numero dei dipendenti dell'agenzia

Continua il botta e risposta a distanza tra il capogruppo del Pdl in Consiglio regionale, Rocco Palese, e l'assessore al Turismo Silvia Godelli sui presunti sprechi nella gestione dell'agenzia regionale PugliaPromozione.  Dopo gli attacchi sulle spese sostenute per il trasferimento dell'agenzia nel nuovo padiglione della Fiera, le polemiche si sono spostate sui costi degli arredi per gli uffici, ritenuti dal Pdl sproporzionati rispetto al numero di dipendenti.

"34 scrivanie, 38 cassettiere, 10 scaffalature, 28 librerie, 91 tra sedie e poltrone per un totale di 99.812 euro (ma ci sono anche forniture extra per ulteriori scrivanie, scaffalature e sedie) - aveva denunciato Palese - per appena 11 persone tra Organi e Dirigenti dell'Agenzia (1 Direttore Generale, 1 Direttore Amministrativo, 3 componenti il Collegio Sindacale e 6 il Comitato Tecnico) che pure se andassero ogni giorno a lavorare lì, potrebbero contare su 3 scrivanie e 8,2 sedie ciascuno. Erano davvero indispensabili? Per dare un segnale di sobrietà ai cittadini pugliesi, potevano andare a comprarli all'Ikea spendendo circa un decimo".

A poche ore di distanza ecco la replica dell'assessore Godelli. “Anche nella sua seconda interrogazione a proposito della sede di Pugliapromozione il consigliere Rocco Palese incorre in errori di matematica che sono quanto meno grossolani. Palese sostiene infatti che nella sede nuova di Pugliapromozione non occorrano 34 scrivanie, 38 cassettiere ecc ecc. Gli faccio un po' di conti più precisi. Agli uffici baresi di Pugliapromozione fanno riferimento già attualmente 30 persone, e le elenco ad una ad una: il direttore generale Piccirillo, il direttore amministrativo Minchillo, i sei componenti del Comitato consultivo, i tre Sindaci revisori, e i seguenti dipendenti e collaboratori, di cui a richiesta possiamo fornire le qualifiche: De Napoli, Latorre, Binetti, Sardone, Pastore, Fortunato, De Sario, Iannone, Chiarullo, Occhiogrosso, Giannini, Castellana, Mastrorosa, Mandurino, De Liguori, Mastronardi, Malatesta, Dammicco, Milella, senza considerare i redattori del portale che sono ancora appoggiati presso l'Assessorato al Turismo dove la sottoscritta non ha neppure una scivania o una sedia dove sedersi. Ci sono inoltre altri tre dipendenti di Pugliapromozione che stanno per trasferirsi dalle sedi periferiche a Bari. Dove dovrebbero lavorare tutte queste persone che, come si vede, sono già ora di piu delle 34 scrivanie finora ordinate? Dove si dovrebbero fare le riunioni con gli operatori turistici? Dove si dovrebbero stoccare i quintali di materiali di promozione che vanno distribuiti tra le sedi territoriali o portati alle fiere del turismo? Quanto al progettista che si sta occupando dei lavori della sede, è stato selezionato in riferimento all'art. 125 comma 11 del DL 163/2006. Questa persona non ha parenti in Pugliapromozione, nè ha avuto pregressi rapporti con l'Agenzia medesima o con alcuno dei suoi dirigenti o dipendenti”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

PugliaPromozione, Godelli replica a Palese: "Sugli arredi non fa bene i conti"

BariToday è in caricamento