Martedì, 27 Luglio 2021
Politica

"Restituiamo la caserma Bonomo alla città", Realtà Italia occupa l'aula Dalfino

L'iniziativa dei consiglieri Albenzio, Dammacco e Ladisa durante l'assemblea di ieri pomeriggio per sensibilizzare il sindaco ad avviare le pratiche di acquisizione dell'ex ospedale militare per trasformarlo in centro di accoglienza per i bisognosi

Utilizzare l'ex ospedale militare Bonomo per l'accoglienza ai bisognosi e la distribuzione pasti caldi ai poveri e ai senzatetto della città. Una proposta, quella lanciata già ad aprile scorso da Realtà Italia, che però è rimasta inascoltata, così come l'interrogazione urgente al sindaco presentata nei giorni scorsi dai consiglieri del gruppo per chiedere di accelerare le pratiche di acquisizione della struttura. Per questa ragione ieri pomeriggio, durante la seduta del Consiglio comunale, gli esponenti di Realtà Italia, Albenzio, Dammacco e Ladisa, hanno occupato l'aula Dalfino, nel tentativo di richiamare l'attenzione sull'urgenza di "restituire l'ospedale Bonomo i baresi", utilizzandolo, appunto, per finalità sociali.

Nel corso dell'occupazione, i consiglieri hanno lamentato l'assenza di risposte in merito alla loro proposta da parte del sindaco che, d'altro canto, ha da sempre sostenuto l'idea di fare dell'ex ospedale la nuova sede degli uffici giudiziari, come ribadito anche un mese fa in occasione dell'incontro con il ministro Alfano. Per i consiglieri di Realtà Italia, invece, l'uso ideale della struttura sarebbe un altro:  "Nonostante il costante impegno di associazioni di volontariato e Caritas diocesana - spiega il Responsabile Enti Locali di Realtà Italia, Vincenzo Brandi  - i pasti distribuiti dalle mense di Bari sono ancora pochi rispetto alle effettive esigenze. Il Ferrhotel è allo stremo! La caserma Bonomo potrebbe essere la soluzione per somministrare ulteriori 1300 pasti caldi al giorno".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Restituiamo la caserma Bonomo alla città", Realtà Italia occupa l'aula Dalfino

BariToday è in caricamento