Politica

Referendum legge elettorale: domenica "sign-mob" di Agorà Mediterranea

Domenica 18 settembre l'associazione Agorà Mediterranea organizza un "sign mob" per raccogliere le firme per il referendum sull'abolizione della legge "Porcellum"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

SIGN-MOB - Firmo, Voto, Scelgo: raccogliamo le firme contro il "Porcellum"

Sono anni che molti nostri politici si dichiarano favorevoli alla modifica dell’attuale legge elettorale, ma a tante belle parole non sono seguiti a tutt’oggi concrete azioni legislative.
In realtà è facile capire il perché. Gli attuali Parlamentari, o sono parte integrante, o sono stati scelti dalle oligarchie dei Partiti, le stesse che avranno potere assoluto nella scelta dei Parlamentari che saranno candidati nella prossima Legislatura e soprattutto del loro ordine numerico nella lista bloccata.
Questo determina una situazione di causa-effetto, molto vicina alla logica del ricatto, per la quale è veramente difficile pensare ad un’iniziativa Parlamentare che restituisca anche solo parzialmente questo potere ai Cittadini.
E’ questo il motivo per cui i poveri scranni del nostro Parlamento hanno ultimamente dovuto ospitare, ed ancora oggi ospitano, alcuni tra i sederi più ignobili di tutta la storia d’Italia.

Il mondo vive da qualche anno un periodo molto difficile ma, lo vediamo tutti, L’Italia a differenza di altri paesi sembra incapace di reagire e di ripartire sulla via dello sviluppo.
Probabilmente questo dipende anche dalla incapacità dei nostri Parlamentari, indipendentemente dal colore politico, di interpretare le vere esigenze dei propri elettori dai quali, a causa della legge Porcellum, sono sempre più distanti.

“In questa situazione di stallo deve emergere la società civile, quella cittadinanza attiva che non può e non deve accettare che l’Italia vada a rotoli perché una casta l’ha presa in mano e non vuole più mollarla” – ha dichiarato Giuseppe Maurizio Ferrandino, presidente di Agorà Mediterranea – “Sia pur con modalità diverse, pacifiche e nel pieno rispetto delle regole democratiche, il vento di libertà e partecipazione che soffia oggi anche in Medio oriente deve attraversare il Mediterraneo e all’idolatria del MenomalecheSilvioc’è, cui fa buona eco il MenomalechecisonoMassimoPierferdinandoAntonio, bisogna sostituire il MenomalecheNOIcisiamo.”

Siamo ben consapevoli che il risultato, ci farà ritornare indietro ad una legge elettorale anch’essa imperfetta che gonfierà le spese della politica e aumenterà il rischio di instabilità dei Governi, ma è il male minore perché rispetto a questa legge elettorale… non c’è peggio!!

Per questi motivi Agorà Mediterranea sostiene la raccolta di firme per il referendum abrogativo della legge elettorale Porcellum e Domenica prossima (18 Settembre 2011) dalle 18:30 ospiteremo nella nostra Sede in via Vallisa 24 (vicinanze Piazza del Ferrarese) un punto di raccolta firme per un SIGN-MOB di associati e simpatizzanti.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Referendum legge elettorale: domenica "sign-mob" di Agorà Mediterranea

BariToday è in caricamento