Politica

Regionali 2015, Nino Marmo è il primo candidato alle primarie del centrodestra

Il consigliere regionale di Forza Italia, vicepresidente dell'assise di via Capruzzi, annuncia la sua discesa in campo in vista delle consultazioni in programma il 23 novembre per la scelta del candidato governatore della coalizione

Nino Marmo

Ha deciso di anticipare tutti, annunciando la sua discesa in campo con un messaggio postato direttamente su Facebook. Nino Marmo, consigliere di Forza Italia e vicepresidente del Consiglio regionale, è ufficialmente il primo candidato alle primarie in programma il 23 novembre per la scelta dell'aspirante governatore del centrodestra.

"Negli ultimi 10 anni - scrive Marmo - in Italia e all’estero il governo regionale ha cercato di vendere una nuova immagine di Puglia, fatta di mare, sole, cinema, opportunità e possibilità. Ma quella è la Puglia che hanno costruito i nostri nonni, i nostri genitori e grandi uomini come Pinuccio Tatarella. In questi 10 anni l’immagine della Puglia è stata sfruttata solo per perseguire ambizioni personali, mentre si nascondeva la verità delle cose, fatta di perdita di posti di lavoro, crisi economica, servizi sanitari inefficienti e crescente insicurezza".

"Ora è arrivato il momento di dire basta. - prosegue il consigliere di FI - La Puglia deve tornare realmente a occuparsi di sé e dei pugliesi, i quali hanno il diritto di chiedere molto di più. E la politica, quella che fa le cose, deve iniziare a dare. Per questo motivo ho deciso di mettere a disposizione la mia esperienza, la mia passione e il mio impegno per le primarie del centro destra del 23 novembre per la scelta del candidato presidente alla Regione Puglia".

"Le primarie - conclude - rappresentano l’ultima occasione che abbiamo per ricomporre un’intera comunità politica e permettere a tutti i pugliesi, che non si riconoscono più nel governo della sinistra, di condividere e partecipare alla stagione del cambiamento. Io mi candido avendo in testa un unico obbiettivo: far tornare a vivere la Vera Puglia. Quella delle eccellenze locali, degli agricoltori, degli imprenditori, dei giovani e di uomini e donne che, nonostante tutte le difficoltà, lavorano ogni giorno per migliorare sempre più la nostra splendida terra".

Proprio nello scorso fine settimana, tuttavia, l'opportunità di svolgere o meno le primarie è stato al centro di un dibattito interno al centrodestra. Intervenendo alla convention dei giovani di Forza Italia a Giovinazzo, il consigliere politico del partito, Giovanni Toti, non è sembrato così convinto della necessità di far ricorso alle consultazioni interne: "Non sono particolarmente affezionato alle primarie in sè - ha deto Toti - sono uno strumento, non sono un fine. Mettersi insieme per fare le primarie mi pare un fine francamente modesto. Se ci saranno candidati condivisi senza il bisogno delle primarie non vedo la ragione di farle, se non ci saranno candidati condivisi nulla osta farle". Di parere opposto invece il leader pugliese di FI, Raffaele Fitto, convinto sostenitore del ricorso ai gazebo per la scelta del prossimo candidato governatore del centrodestra.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionali 2015, Nino Marmo è il primo candidato alle primarie del centrodestra

BariToday è in caricamento