Politica

Primarie, tregua nel centrosinistra. Emiliano: "Superate le incomprensioni"

A 24 ore dal confronto elettorale tra l'ex sindaco di Bari, Stefàno e Minervini, la coalizione mette da parte polemiche e veleni sottoscrivendo un documento unitario: "Dobbiamo custodire quanto di buono fatto nei 10 anni di Governo Vendola"

Nessuno stop alle Primarie di domani e una ritrovata unità sancita da un documento unitario. Sono i risultati principali del vertice di questa mattina, nella sede pugliese del Pd in via Re David, della coalizione di centrosinistra, convocato dopo le forti frizioni dei giorni scorsi tra Michele Emiliano e il governatore uscente, Nichi Vendola, provocate dall'accordo tra i Democratici e Udc in vista delle Regionali 2015.

Un incontro disertato dal presidente della Giunta pugliese che ha organizzato una propria conferenza stampa, ma a cui hanno preso parte i principali esponenti dei partiti alleati, tra cui proprio Sel (rappresentata da Onofrio Introna), così irritata dall'accordo con i centristi da minacciare l'uscita dalla coalizione. Le divisioni, però, sembrano destinate a ricomporsi, dopo il faccia a faccia di questa mattina: "Dal punto di vista politico e umano - ha affermato Emiliano al termine del vertice - abbiamo superato tutte le incomprensioni. Il centro sinistra è questo: è una coalizione trasparente, ci diciamo le cose come sono, nessuno di noi nasconde nulla. Raccontiamo i fatti prima ai diretti interessati, ai pugliesi, e poi a noi stessi. I cittadini hanno potuto seguire la discussione di questi giorni alla luce del sole, senza accordi sotto banco. Ora torniamo tutti in strada, per fare l’ultimo giorno di campagna elettorale".

Il documento comune, afferma che la coalizione "ha voluto fortemente le primarie in Puglia per salvaguardare il progetto del centro sinistra così com'è. Questa ferma volontà accomuna tutte le componenti del centro sinistra che compongono il tavolo politico. In uno scenario politico nazionale ormai in perenne evoluzione, a livello regionale abbiamo il dovere di custodire quanto di buono e innovativo è stato fatto in questi ultimi dieci anni dall'amministrazione di centro sinistra sotto la guida di Nichi Vendola. Dobbiamo dunque concentrarci sui valori e sui punti -prosegue la nota - che uniscono la nostra coalizione, dare prospettiva e risposte ad un intero popolo che in noi ripone speranza e pretende unità e azioni concrete".

"Il clima elettorale - si legge - ha sicuramente influito sulla dialettica, con discussioni a volte dolorose e sfiancanti, ma è ben presente in tutte le componenti del tavolo politico la consapevolezza della correttezza e della trasparenza dell'azione politica svolta dal presidente Vendola al governo di questa regione. Facciamo ammenda per le polemiche di questi giorni consapevoli che dobbiamo riprendere il cammino più coesi di prima. Chiediamo al popolo pugliese di partecipare numeroso alle primarie che si svolgeranno domani, per continuare il processo di cambiamento avviato nel 2005 e portato avanti dal centrosinistra. La maturità della nostra coalizione non ci mette al riparo dalle polemiche interne, anche aspre, ma ci consente attraverso un continuo confronto democratico esercitato dai nostri elettori di ritrovare sempre la strada e di correggerla, con senso di responsabilità verso la comunità che rappresentiamo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primarie, tregua nel centrosinistra. Emiliano: "Superate le incomprensioni"

BariToday è in caricamento