Regionali 2020

Parità di genere: se il Consiglio regionale della Puglia non la approva ci penserà il Governo

Il consiglio regionale ha tempo fino al 28 luglio per approvare la parità di genere nella legge elettorale regionale; trascorso tale termine, il Governo si riserva di intervenire con un proprio provvedimento al prossimo consiglio dei ministri

Boccia e Conte

Il presidente del Consiglio ha diffidato formalmente il Consiglio regionale della Puglia ad adeguare entro il 28 luglio la legge elettorale regionale ai principi di promozione delle pari opportunità tra donne e uomini nell’accesso alle cariche elettive.

La diffida, su proposta del ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, e della ministra per le pari opportunità e la famiglia, Elena Bonetti, è stata trasmessa oggi pomeriggio.

Il consiglio regionale, come ha già fatto il consiglio regionale della Liguria, ha tempo fino al 28 luglio per approvare la parità di genere nella legge elettorale regionale; trascorso tale termine, il Governo si riserva di intervenire con un proprio provvedimento al prossimo consiglio dei ministri, già convocato per il 28 luglio.

Sul tema il ministro Boccia aveva già scritto al presidente della conferenza delle Regioni per sollecitare le regioni inadempienti, tra cui la Puglia; c’era stata un’informativa di Boccia in Consiglio dei Ministri il 25 giugno; il presidente del Consiglio aveva inviato una lettera il 3 luglio per sollecitare nuovamente le regioni inadempienti

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parità di genere: se il Consiglio regionale della Puglia non la approva ci penserà il Governo

BariToday è in caricamento