Tajani a Mola per Fitto e il rush conclusivo delle Regionali: "Siamo pronti a governare la Puglia"

“La Puglia - ha dichiarato Fitto incontrando i marinai di Mola - anche sulla pesca dimostra l’incapacità di governare del centrosinistra tanto che siamo l’ultima Regione d’Italia per spesa di fondi comunitari"

“Oggi siamo qui perché stiamo andando in più Comuni possibili per incontrare i cittadini, con un messaggio chiaro: per noi la politica è servizio e quindi siamo noi ad andare dalle persone per confrontarci sui problemi, per ascoltare e individuare soluzioni concrete”. Il vicepresidente di Forza Italia, l'onorevole Antonio Tajani, è tornato in Puglia per la campagna elettorale in vista delle Elezioni Regionali del 20 e del 21 settembre. Per l'europarlamentare appuntamento, questo pomeriggio, a Mola di Bari, assieme al candidato presidente del centrdestra, Raffaele Fitto, al commissario regionale , l'onorevole Mauro D'Attis, e al vice, il senatore Dario Damiani. 

“Più giriamo la Puglia - ha aggiunto Tajani - e più ci convinciamo che il destino della sinistra in questa Regione è segnato e noi siamo pronti, con Raffaele Fitto presidente, a governare e dare risposte a settori piegati dal malgoverno della sinistra, proprio come la pesca in questi 15 anni”.

“La Puglia - ha dichiarato Fitto incontrando i marinai di Mola - anche sulla pesca dimostra l’incapacità di governare del centrosinistra tanto che siamo l’ultima Regione d’Italia per spesa di fondi comunitari. Siamo seduti su una montagna di soldi: l’Ue ha destinato ben 89 milioni di euro per la pesca pugliese e la Giunta regionale ne ha speso solo il 10%. E c’è di più, siamo alle comiche finali: in 15 anni di centrosinistra non è stato fatto nulla per la pesca, ma proprio oggi, dopo che abbiamo convocato questa conferenza stampa, è stata firmata una determina per stanziare fondi per il dragaggio del porto di Mola. Se la pesca non fosse un’attività identitaria per la Puglia e se non fosse attanagliata da una sfilza di problemi, ci sarebbe da ridere. Noi daremo risposte concrete e l’on. Tajani sarà un riferimento importante ed autorevole che ci aiuterà dal giorno del nostro insediamento nei rapporti con l’Ue per rilanciare la nostra Puglia”.

“La grande partecipazione dei pescatori all’incontro di oggi - ha affermato  D’Attis- conferma la voglia di riscatto dei pugliesi e il bisogno di riferimenti competenti che possano trovare delle soluzioni senza ubriacarsi di demagogia e slogan come accaduto in questi anni”. “Già da questa campagna elettorale -ha dichiarato infine Damiani - stiamo dando una linea chiara su come interpretiamo il nostro impegno nella Puglia che verrà: parliamo di temi, ascoltiamo i territori e lo facciamo con il meglio delle energie a disposizione"-

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il van di Borghese sbarca a Bari: lo chef premia il miglior ristorante di crudo di mare

  • "Qui il crudo di mare è una vera favola", Alessandro Borghese e la sfida di '4 Ristoranti' a Bari: il migliore? E' a Santo Spirito

  • Arriva il freddo russo, temperature in picchiata anche in Puglia: rischio neve a quote basse

  • Nuovo Dpcm in arrivo: ecco regole e restrizioni, cosa cambia dal 16 gennaio. Puglia verso l'arancione

  • Ultimo giorno di zona gialla, da domani la Puglia torna in arancione: cambiano regole e divieti

  • Un'altra stretta con il nuovo decreto anti Covid: Puglia verso la zona arancione?

Torna su
BariToday è in caricamento