Lunedì, 27 Settembre 2021
Regionali 2020

Doppia preferenza di genere e Parco di Costa Ripagnola: rinviato il voto in Consiglio regionale

La doppia preferenza era sollecitata nelle scorse settimane anche dal premier Conte. Sarà quindi affrontata a chiusura della legislatura. Dal Consiglio anche il blocco delle assunzioni Arpal

E' stata rinviata da parte del Consiglio regionale della Puglia la discussione, con votazione, della proposta di legge per l'introduzione della doppia preferenza per le elezioni regionali, Il rinvio è avvenuto nonostante la richiesta di alcuni consiglieri di affrontare l'argomento. A decidere è stata la conferenza dei capigruppo che ha rinviato anche la votazione per l'istituzione del Parco naturale di Costa Ripagnola a Polignano a Mare

La doppia preferenza era sollecitata nelle scorse settimane anche dal premier Conte con una lettera alle Regioni inadempienti: sarà quindi affrontata a chiusura della legislatura, in una delle ultime sedute prima dell'interruzione dei lavori per le elezioni regionali di settembre.

. Il primo ad essere stato approvato, fra quelli che saranno esaminati nella seduta odierna, riguarda la sospensione di tutte le procedure concorsuali e selettive, indette e da indire, con riferimento all’assunzione, attraverso il servizio di somministrazione di lavoratori a tempo determinato, di personale nell’ambito delle Agenzie regionali, ad eccezione del settore sanitario, della protezione civile e della tutela delle attività irrigue e forestali. La proposta emendativa, di cui è primo firmatario il consigliere Leo Di Gioia, è stata subemendata dal consigliere Francesco Vent

La seduta di oggi del Consiglio regionale ha visto, in ogni caso, l'approvazione di alcune mozioni: tra queste,il provvedimento per la "sospensione di tutte le procedure concorsuali e selettive, indette e da indire, con riferimento all’assunzione, attraverso il servizio di somministrazione di lavoratori a tempo determinato, di personale nell’ambito delle Agenzie regionali, ad eccezione del settore sanitario, della protezione civile e della tutela delle attività irrigue e forestali". La proposta emendativa, di cui è primo firmatarioll'ex assessore e ora consigliere d'opposizione Leo Di Gioia, è stata subemendata dal consigliere Francesco Ventola

Tra le altre mozioni sì a quella (primo firmatario Nino Marmo) in cui si impegna la Giunta ad attivare percorsi di esenzione del ticket per la diagnosi precoce e per gli esami specifici a favore di tutti i soggetti che risultino essere ad alto rischio genetico di tumore della mammella, dell’ovaio, del pancreas, della prostata, del colon retto, in quanto portatori di mutilazioni genetiche, o con rischio eredo-familiare perché appartenenti a famiglie con caratteristiche di storia oncologica fortemente sospette per la presenza di una mutazione non rilevabile se non da specifici test.

Approvato anche un altro atto (primo firmatario Nino Marmo), in cui si impegna il presidente della Giunta regionale, a creare una rete di assistenza e cura per i pazienti affetti da linfedema, oltre che realizzare qualificati centri regionali e provinciali di riferimento per evitare che i pazienti siano costretti per l’assistenza a notevoli disagi logistici ed economici.

L'ultima mozione (primo firmatario Domenico Damascelli), impegna la Giunta ad istituire un fondo speciale riservato ad educatori socio pedagogici e assistenti alla comunicazione, affinché in questo periodo di stop prolungato delle lezioni e nell’incertezza della ripresa del prossimo anno scolastico, possano ricevere un aiuto concreto dopo mesi a reddito zero, essendo esclusi da ogni forma di ammortizzatore sociale. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Doppia preferenza di genere e Parco di Costa Ripagnola: rinviato il voto in Consiglio regionale

BariToday è in caricamento