Venerdì, 14 Maggio 2021
Politica

Regionali, Emiliano lancia la 'sagra del programma': "Sarà una festa della partecipazione"

Sabato 14 marzo a Bari il primo dei sei forum provinciali aperti ai cittadini per discutere proposte e temi da recepire nel programma. E il candidato del centrosinistra fissa le sue tre priorità in caso di elezione: una legge sulla partecipazione, una nuova legge elettorale e una sulla sanità

Sei forum, uno per ciascuna provincia, per coinvolgere i cittadini pugliesi nella stesura del programma in vista delle prossime elezioni regionali. "Un processo che è insieme una festa popolare ma anche fede nella buona politica, per dare vita ad un incrocio tra la democrazia partecipata del popolo e la democrazia rappresentativa delle istituzioni". Michele Emiliano descrive così la 'sagra del programma', che prenderà il via sabato 14 marzo da Bari: un nuovo modello di partecipazione, sottolinea, per raccogliere idee e istanze da recepire nella proposta di governo della coalizione.

LE 'SAGRE DEL PROGRAMMA' - Circa trecento i cittadini che potranno partecipare a ciascun incontro iscrivendosi attraverso una piattaforma online. "Coinvolgeremo quasi duemila pugliesi, che ci aiuteranno a scrivere il programma e lo faranno dal loro punto di vista e non dal punto di vista dei politici che si candidano", afferma Emiliano. Accanto a lui in conferenza stampa l'ex assessore Titti De Simone, che ha curato l'organizzazione dell'iniziativa. "Stiamo sperimentando qualcosa di unico - commenta - In nessuna Regione finora è stato adottato un metodo partecipativo vero e scientifico". Il coordinamento dell'intero processo, sottolineano, è affidato ad un comitato scientifica che gestirà e monitorerà l'iniziativa.

"M5S? SE CONDIVIDE LA TECNICA PARTECIPI" - "Non è un processo che avviene oltre i partiti, ma per i partiti, che di questa partecipazione hanno bisogno", precisa il candidato governatore del centrosinistra, che poi lancia il suo messaggio agli avversari: "Anche loro possono partecipare alle nostre sagre del programma". "Se questa tecnica interessa il M5S, si iscriva e prenda parte ai nostri forum".

"SE ELETTO, ECCO LE PRIME TRE LEGGI" - Ma l'esperimento partecipativo, assicura il candidato del centrosinistra, non si esaurirà con la fase elettorale. L'idea è quella di trasformare questo modello in "una legge sulla partecipazione, sarà la prima cosa che farò se eletto", spiega Emiliano. Ma l'aspirante governatore 'fissa' anche altre due priorità in caso di elezione: una nuova legge elettorale - "quella appena approvata è orrenda", dice Emiliano, che ha ribadito che candiderà solo donne a capo delle liste del Pd nelle sei province pugliesi - e una legge sulla sanità che tenga i politici "fuori dalla valutazione del merito di chi deve operare". Un ritorno, quest'ultimo, su un tema già caldo della campagna elettorale, con Emiliano che ha già annunciato di voler tenere per sè la delega alla Sanità in caso di elezione, e lo sfidante Schittulli che attacca i dieci anni di cattiva gestione del centrosinistra.

Dopo la tappa barese, la 'sagra del programma' toccherà le altre province pugliesi: il 21 marzo a Brindisi, il 28 marzo a  Foggia, l'11 aprile a Lecce, il 18 aprile a Barletta e il 19 aprile l'ultimo appuntamento a Taranto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionali, Emiliano lancia la 'sagra del programma': "Sarà una festa della partecipazione"

BariToday è in caricamento