Sabato, 31 Luglio 2021
Politica

Riordino Province: Bat con Foggia, ma l'idea non piace ai cittadini

"Noi ci sentiamo baresi", "La nostra storia è diversa da Foggia", "Lasciate decidere a noi": sui social network le voci dei cittadini della Bat che si oppongono ad un accorpamento "calato dall'alto"

Il governo ha già pronta la bozza del decreto da approvare a inizio novembre, la Regione ha deciso di non decidere, lasciando la scelta a Roma "purché rispetti le decisioni dei Comuni", i politici locali continuano a dare battaglia nella (vana) speranza di riuscire ad evitare l'accorpamento a Foggia, salvando in qualche modo le sorti della sesta Provincia pugliese. Ma in tutto questo, qualcuno si è chiesto (e ha chiesto) cosa ne pensano i cittadini della Bat dell'ormai inevitabile fusione con il capoluogo dauno?

Pare proprio di no. Visto che, ad esempio, a differenza di quanto avvenuto altrove in nessuno dei Comuni appartenenti alla BAT è stato indetto un referendum per lasciare ai cittadini la scelta. A decidere sono stati piuttosto i consigli comunali, che hanno indirizzato gli sforzi verso il tentativo di salvare la sesta Provincia, magari estendendone i confini.  "I 10 Comuni appartenenti alla Bat - si legge nella relazione presentata al Consiglio regionale dall'assessore Marida Dentamaro - hanno trasmesso atti dei rispettivi consigli tendenti a provocare una iniziativa governativa che consenta la costituzione di una nuova provincia comprendente i territori della provincia Bat e quelli dei Comuni eventualmente non aderenti alla costituenda Città metropolitana di Bari. Elemento comune in tutti glia atti  fra l’altro,  è l’espressa volontà di non aderire ala provincia di Foggia salvo che per San Ferdinando di Puglia".

Eppure i cittadini, o almeno molti di essi, un'idea chiara sulle sorti del loro Comune di appartenenza ce l'avrebbero. Ad Andria, ad esempio, opinione contraria all'accorpamento alla provincia di Foggia era stata espressa con voce unanime dalle Associazioni Civiche andriesi,  che avevano chiesto "l’adesione della città di Andria all’Area Metropolitana di Bari con immediata attivazione di un organismo collettivo e collegiale per la definizione degli atti statutari ed istitutivi, aperto ai rappresentanti della città". Ma il tam tam 'anti-Foggia' corre anche sui social network, Facebook in testa. Dove ad esempio è spuntato il gruppo "Andria non è in provincia di Foggia", che nelle sue 'intenzioni' dichiara: "Questo gruppo non è assolutamente razzista verso la città di Foggia o i Foggiani, è semplicemente un senso di NON appartenenza, a loro e alla loro storia. La nostra storia è differente". Senso di non appartenenza, appunto. Quello su cui insistono molti membri del gruppo nei loro commenti, dichiarando di sentirsi "più baresi che foggiani", o semplicemente "andriesi e basta". Ed è lo stesso sentimento che emerge nelle interviste realizzate dai "Tubbisti boys", tre giovani andriesi il cui video sul riordino delle Province (affrontato in chiave comica) spopola su YouTube. "Noi vogliamo stare con Bari", dicono in molti. E dai commenti emerge anche un certo scontento per la stessa scelta di istituire la sesta Provincia, staccandosi da Bari. Come dire: già allora non la politica non ci ha ascoltati. Perchè (non) dovrebbe cominciare a farlo oggi?

 

"LA S(I)ESTA E' GIA' FINITA..": GUARDA IL VIDEO

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riordino Province: Bat con Foggia, ma l'idea non piace ai cittadini

BariToday è in caricamento