rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Politica

"Sistemi informatici per lo screening del tumore al seno non ancora aggiornati": Amati 'punta il dito' contro i ritardi della Sanità pugliese

Il Presidente della Commissione Bilancio della Regione Puglia annuncia un'audizione urgente per chiedere spiegazioni sulla mancata applicazione delle norme regionali: "Di che si occupano i dirigenti?"

I sistemi informatici per potenziare lo screening del tumore al seno non sono ancora stati aggiornati, nonostante la legge regionale sia stata approvata lo scorso febbraio. L'allarme è lanciato dal Presidente della Commissione regionale Bilancio e Programmazione, Fabiano Amati, il quale annuncia la richiesta di un’audizione urgente per discutere delle lentezze burocratiche che hanno rallentato l'applicazione delle norme regionali. La richiesta di Amati è rivolta al suo collega Mauro Vizzino, Presidente della Commissione Sanità della Regione Puglia.

“La nuova legge sul potenziamento dello screening mammario e dei test genetici prevede poche, ma essenziali disposizioni, allo stato in parte non applicate per mancato adeguamento dei sistemi informatici - sottolinea Amati - Non è stata attivata la metodica degli inviti estesi al 100% della popolazione femminile da 45 a 74 anni e, soprattutto, della prenotazione automatica allo screening successivo all’atto della consegna del referto. Non è stato attivato il sistema di preselezione, da parte dei medici di medicina generale, all’eventuale consulenza oncogenetica per persone sane, ma con storia familiare di carcinoma mammario e nella fascia d’età 40-44. Non è stato attivato il codice d’esenzione D-99 per la sorveglianza clinico strumentale delle persone con predisposizione genetica al carcinoma mammario. Tappe importantissime per salvare la vita alle nostre madri, mogli, sorelle e figlie".

Il Presidente della Commissione Bilancio regionale lancia un atto d'accusa contro il sistema sanitario pugliese che avrebbe permesso, secondo la sua visione, di "occultare le falle storiche del sistema e perpetuare una gestione della sanità meramente burosaurica". "Di cosa si occupano i dirigenti regionali con più importanza della lotta ai tumori?" conclude Amati.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sistemi informatici per lo screening del tumore al seno non ancora aggiornati": Amati 'punta il dito' contro i ritardi della Sanità pugliese

BariToday è in caricamento