menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Schittulli-Poli, sfuma l'ipotesi primarie. Meloni: "Centrodestra spaccato, ne prendiamo atto"

Vitali e la candidata dei berlusconiani disertano l'incontro convocato dall'oncologo per discutere delle consultazioni. La leader di FdI: "Basta polemiche, occupiamoci dei problemi dei pugliesi"

Non è durata più di 24 ore l'ipotesi delle primarie 'last minute' del centrodestra lanciata da Giorgia Meloni. Adriana Poli Bortone e Luigi Vitali, segretario pugliese di Forza Italia, hanno disertato l'incontro convocato questa mattina da Schittulli con tutti i partiti della coalizione, per discutere della posisbilità di organizzare le primarie per domenica prossima.
 
"Chi dice no alle primarie", ha commentato Schittulli, "ha venduto la Puglia al centrosinistra". Vitali respinge le accuse al mittente e continua a bollare come una "farsa" la proposta delle primarie.

E così, di fronte all'ennesimo muro contro muro, sembra ormai essere inevitabile che alle prossime regionali i candidati del centrodestra saranno due: Adriana Poli Bortone, sostenuta dall'ala berlusconiana di Forza Italia e da Noi con Salvini, e Francesco Schittulli, sostenuto da fittiani, Ncd e Fratelli d'Italia.
 
"Le abbiamo provate tutte - dichiara Meloni in una nota - compresa la richiesta di celebrare le primarie per far scegliere agli elettori il candidato presidente più competitivo e rappresentativo. Purtroppo dobbiamo prendere atto che qualcuno ha deciso di spaccare tutto". Da qui, l'invito del presidente di FdI a smetterla "di polemizzare tra di noi" perche' "e' arrivato il momento di fare la campagna elettorale e di occuparsi dei problemi dei pugliesi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento