menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il centrodestra attacca la Regione dopo la sospensione dell'ordinanza sulla Ddi: "Famiglie pugliesi in tilt. Situazione assurda"

Fitto: "Chiediamo al Governo Draghi di porre fine a questa situazione accendendo i riflettori sulla Puglia e accogliendo la richiesta già presentata da FdI, e che oggi formulano anche diverse associazioni scolastiche, di commissariare con urgenza la gestione Covid in Puglia"

La sospensione del Tar di Bari riguardante l'ordinanza della Regione Puglia sulla didattica a distanza scatenza numerose polemiche da parte del centrodestra. nei confronti del governatore Michele Emiliano.

"La situazione dei genitori in Puglia non ha eguali in Italia - attacca l'europarlamentare di Fratelli d'Italia Raffaele Fitto - : dopo un continuo tira e molla di ordinanze apri e chiudi, le famiglie pugliesi da ieri, 22 febbraio, si sono dovute organizzare per affrontare una chiusura totale nonostante la Puglia sia in zona Gialla. Ora i giudici del Tar riaprono con decreto monocratico urgente… Tutto questo non è dignitoso e offende milioni di famiglie completamente in tilt per colpa di chi apre e chiude le scuole senza motivare decisione. Allarmare la popolazione senza mai supportare le scelte con dati scientifici come è avvenuto in Puglia, è un atto di grave irresponsabilità. - aggiunge Fitto - Emiliano dovrebbe spiegare perché la Didattica In Presenza in Puglia è più pericolosa che in tutte le altre regioni italiane dove anche in zona Arancione viene assicurata. Chiediamo al Governo Draghi di porre fine a questa situazione accendendo i riflettori sulla Puglia e accogliendo la richiesta già presentata da Fratelli d’Italia, e che oggi formulano anche diverse associazioni scolastiche, di commissariare con urgenza la gestione Covid in Puglia" conclude l'ex candidato alle Regionali.

Critico anche il deputato barese di Fratelli d'Italia, Marcello Gemmato: "Ancora una volta, il presidente Emiliano fallisce politicamente e, mi permetto, professionalmente. Un magistrato sconfessato dal Tar nell’azione amministrativa oltretutto manchevole di visione a lungo termine nonché di capacità gestionali della complessità del mondo della scuola - aggiunge - . Vive alla giornata mettendo nel caos interi nuclei familiari che, al contrario, per la gestione della famiglia devono necessariamente organizzarsi. E per tempo. Stesso discorso per i dirigenti scolastici che stanno facendo fronte all'inettitudine di un presidente di Regione e di un assessore propensi più all'apparenza che alla sostanza".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento