Politica

Sicurezza, Emiliano scrive al ministro dell'Interno Maroni

Il sindaco di Bari scrive una lettera al ministro Maroni sulla questione sicurezza, con la proposta di costituire nella città di Bari una "crime mapping interforze" per lotta alla microcriminalità

"Signor Ministro,

ancora una volta ho appreso della commissione di una serie di odiosi eventi criminosi  (tra cui rapine, scippi, danneggiamenti ed atti vandalici) dai cittadini che spontaneamente dialogano con me sulla mia pagina di Facebook e dalla lettura dei quotidiani.

So che Lei condivide con me un’idea del ruolo degli Enti Locali nelle politiche di sicurezza più attivo, consapevole e responsabile, anche al fine di poter mettere in condizione i Sindaci, ad oggi in possesso di pochi strumenti in questa materia e, paradossalmente, sempre più destinatari della crescente domanda di sicurezza, di dare risposte concrete alla cittadinanza.

Ma per dar corpo a questa idea occorre che gli Enti Locali vengano almeno informati e che non debbano sistematicamente apprendere di tali episodi solamente dalla buona volontà di singoli cittadini o dagli organi di stampa.

A tal riguardo, come Lei certamente sa, in più occasioni ho richiesto che Lei concedesse il Suo autorevole parere circa la realizzazione a Bari di un sistema di crime mapping interforze, sulla scorta delle esperienze positive che da anni si registrano in altri Paesi. Richieste, queste, rimaste ad oggi ancora senza risposta.

E’ nostra convinzione che questo sistema, che non vìola assolutamente la segretezza delle informazioni e dei dati delle indagini ma costituisce un semplice sistema statistico geo-referenziato, può essere un prezioso ausilio per utilizzare al meglio le eccellenti professionalità degli operatori delle Forze dell’Ordine, permettendo anche al nostro Comune di poter impiegare più adeguatamente la grande risorsa costituita dai 600 agenti attualmente in servizio presso la nostra di Polizia Municipale.

Signor Ministro, noi amministratori locali, ed in particolare del Mezzogiorno d’Italia, siamo abituati ad affrontare con pochi strumenti e risorse problemi anche molto grandi, e spesso ciò che altri chiamano “efficienza” noi chiamiamo “stringere la cinghia”. Pertanto, risulta difficile comprendere come di fronte ad una proposta operativa che certamente contribuirebbe a migliorare, contemporaneamente, il lavoro degli operatori delle Forze dell’Ordine e il ruolo degli Enti Locali in materia di sicurezza, si tardi ancora a dare una risposta.

Le nostre comunità, infatti, ci chiedono oggi risposte rapide e concrete, e non possono più accettare ulteriori ritardi presuntamente giustificati da impianti normativi datati e inadatti a far fronte alle sfide e ai cambiamenti che la modernità ci impone.

Sono certo che Lei non farà mancare il Suo impegno per intervenire prontamente ed inaugurare una nuova stagione delle politiche di sicurezza nazionali.

Ringraziandola per l’attenzione che vorrà riservare alla presente, ed in attesa di un cortese riscontro, rimango a Sua disposizione anche al fine di poterLe illustrare il progetto, in un incontro che riterrà di convocare, e farle conoscere il software sviluppato da una azienda barese e che è già stato sperimentato con successo presso la Questura di Milano.

Cordialmente,


Michele Emiliano"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza, Emiliano scrive al ministro dell'Interno Maroni

BariToday è in caricamento