menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sfiducia dai partiti della coalizione, si dimette il sindaco di Corato Massimo Mazzilli: "E' omicidio politico"

Il primo cittadino ha rassegnato il mandato in modo "non revocabile": era stato eletto nel 2014 con un gruppo di liste del centrodestra. L'attacco a Noi con l'Italia e Forza Italia

Dimissioni "non revocabili" a pochi mesi dal termine naturale della consiliatura dopo la mozione di sfiducia in Consiglio comunale: è quanto ha deciso il sindaco di Corato, Massimo Mazzilli, dal 2014 alla guida di una Giunta di centrodestra. L'annuncio è arrivato nel corso di una conferenza stampa. Mazzilli non ha risparmiato accuse a Noi con l'Italia e Forza Italia, a suo avviso le forze politiche che avrebbero spinto di più per la mozione di sfiducia, presentata da 11 consiglieri: "Si tratta - dice - di un omicidio politico consumato soprattutto in danno della popolazione e delle attività economiche che operano in città. Spero che la cittadinanza - ha aggiunto- con lucidità ed obiettività sappia poi individuare vittima e carnefice".  

La mozione è l'ultimo atto di una crisi politica che da settimane ha coinvolto il Comune di Corato, dopo le dimissioni del presidente di due commissioni consiliari e, quattro giorni fa, del presidente del Consiglio comunale Ignazio Salerno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento