Mercoledì, 23 Giugno 2021
Politica

Tagli agli enti locali, l'assessore al Welfare: "A rischio i progetti per l'inclusione sociale"

Nella giornata di protesta indetta dall'Anci per dire no alla manovra finanziaria approvata dal governo, l'assessore comunale al Welfare Ludovico Abbaticchio avverte: "A rischio la prosecuzione di tanti progetti a sostegno dei soggetti svantaggiati"

E' il giorno della mobilitazione degli enti locali contro i tagli previsti dalla manovra finanziaria approvata dal Governo. A Bari i sindaci di quaranta Comuni pugliesi hanno manifestato in piazza Prefettura, mentre i governatori riuiniti nella conferenza delle Regioni hanno lanciato segnali allarmanti sulle conseguenze che i tagli decisi dal Governo avranno sui servizi di trasporto pubblico locale.

Ma ad essere a rischio non sono soltanto i trasporti. Un grido di allarme proviene anche dal settore della spesa sociale, allo stesso modo duramente colpita dai tagli della manovra finanziaria. A tracciare un quadro preoccupante della situazione è l'assessore al Welfare del Comune di Bari, Ludovico Abbaticchio

“La gestione delle politiche di inclusione sociale da parte del Comune di Bari - esordisce l'assessore in una nota diffusa dal pomeriggio - si è concretizzata, negli ultimi anni, in un impegno crescente attraverso l’attivazione di diversi e innovativi progetti con un’attenzione particolare rivolta ai soggetti a rischio di marginalità sociale".

Progetti avviati grazie a partership tra pubblico e privato, volti soprattutto a incoraggiare l'occupazione e l'imprenditorialità dei soggetti a rischio di esclusione sociale. "Tanti sono stati i progetti finanziati, - continua l'assessore - tra i quali mi piace ricordare anche i progetti ‘Dò Mést’ e ‘Pin’, solo per citarne alcuni: il primo rivolto a 60 ragazzi di età compresa tra i 16 e i 21 anni e il secondo destinato a 20 “soggetti transitati nel circuito delle dipendenze”.

La prosecuzione di tali progetti, già predisposta dal Comune di Bari, rischia però, avverte l'assessore, di essere cancellata dai pesanti tagli alla spesa sociale, nonostante l'aiuto che pure dovrebbe arrivare dalla Regione Puglia attraverso l'investimento dei fondi previsti dal Piano per il Lavoro.

"L’esperienza dei tanti progetti finalizzati all’inclusione sociale e lavorativa promossi in questi anni - conclude Abbaticchio - ci insegna che, se vogliamo provare a costruire un argine solidaristico contro una crisi che, oggi come mai, sembra accanirsi contro le persone più fragili della nostra società, l’attenzione alle politiche attive del lavoro non potrà che assumere anche nei mesi futuri un’importanza strategica e prioritaria rispetto a qualsiasi altra politica pubblica locale”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tagli agli enti locali, l'assessore al Welfare: "A rischio i progetti per l'inclusione sociale"

BariToday è in caricamento