Politica

Ticket, esenzione per i titolari di pensione sociale e minima

Dal primo luglio non dovranno più pagare il ticket di un euro a ricetta per i farmaci. Rimodulate anche le fasce di reddito per l'esenzione totale dalla spesa farmaceutica

I titolari di pensioni sociali e i titolari di pensioni al minimo di età superiore ai sessant'anni con reddito sotto i 8.263 non dovranno più pagare il ticket di un euro a ricetta per l'acuisto di farmaci. Lo ha deciso oggi la giunta regionale, dopo l'ultima delibera sul piano di rientro sanitario che aveva abolito tutte le esenzioni dal pagamento del ticket per visite ed esami specialistici.

Il riconoscimento dell'esenzione è stato deciso sulla base di simulazioni di spesa che hanno dimostrato come il gettito di 35 milioni di euro, necessario a garantire il rispetto del piano di rientro non sarebbe comunque intaccato dalle esenzioni riconosciute a certe categorie. Per permettere ai pazienti di usufruire della nuova esenzione, i medici dovranno necessariamente indicare sulle ricette i codici E03 e E04, corrispondenti alle categorie individuate dalla delibera regionale di oggi.

Sono state inoltre riviste le fasce di reddito per l'esenzione dalla spesa farmaceutica. Dal primo luglio il limite di reddito al di sotto del quale compete l’esenzione totale (codice E94) passa a 18mila euro, incrementato di 1000 euro per ciascun figlio a carico, quella parziale (E96) fino a 23mila (+1000 per ogni figlio), parziale (E95) per i cittadini ultrasessatacinquenni con reddito complessivo non superiore a 36.151,98 euro.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ticket, esenzione per i titolari di pensione sociale e minima

BariToday è in caricamento