Politica

Trivelle, ritorna l'incubo in Adriatico: "La Northern Petroleum pronta ad estendere le ricerche"

A lanciare l'allarme in una nota è l'ex presidente del Consiglio regionale Onorio Introna: "Concessioni per 670 km quadrati, davanti a Mola, Polignano e Monopoli"

"Si riaffaccia l'incubo trivelle nel nostro Adriatico, al largo di Bari e Brindisi. La Northern Petroleum ha deciso di estendere le ricerche di idrocarburi nel mare di Puglia: concessioni per 670 km quadrati, “in faccia” a Mola, Polignano e Monopoli". 

A lanciare l'allarme, in una nota, è l'ex presidente del Consiglio regionale della Puglia, Onofrio Introna. "La società petrolifera - afferma Introna - ha chiesto ai Ministeri dell’Economia e dell’Ambiente una modifica dell'area per le prospezioni geofisiche, riducendo il numero degli interventi nel Nord adriatico e ampliando quelli nel Sud. Un artificio legale per non perdere tempo in fase di autorizzazioni. Le multinazionali del petrolio stanno per dare scacco. All’indomani della visita di Goletta Verde e della mobilitazione a Polignano, questo conferma la grande preoccupazione di Istituzioni e ambientalisti".

"Notizie come queste - prosegue - creano un allarme giustificato sull’aggressione all’ambiente. Ci dicono che la nostra è una battaglia che non può vedere momenti di pausa, fino a quando non avremo cacciato dai mari i predoni del petrolio, che minacciano le spiagge, la pesca, l’economia e la qualità della vita. E mi convincono - conclude - che ha ragione Michele Emiliano, quando chiede al Governo nazionale più autonomia per la Regione, nelle scelte che riguardano il futuro della Puglia e della sua gente".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trivelle, ritorna l'incubo in Adriatico: "La Northern Petroleum pronta ad estendere le ricerche"

BariToday è in caricamento