rotate-mobile
Politica

Trivelle in Adriatico, Regione al lavoro per impugnare i decreti del governo

La mossa del governo pugliese: l'avvocatura impugerà i nove decreti del Ministero dell'Ambiente con cui sono stati rilasciati i permessi per le prospezioni petrolifere

Avvocatura regionale al lavoro per impugnare i decreti del governo relativi all'autorizzazione di ricerche di petrolio lungo le coste. Ne dà notizia in un comunicato l'Ufficio stampa della Regione: "Nel solco di quanto già fatto dinnanzi alla Corte Costituzionale - si legge nella nota - la Regione continua la sua opposizione alle trivellazioni lungo le coste".

Si tratta di nove decreti del Ministero dell’Ambiente "inerenti - spiega la nota - le valutazioni di impatto ambientale ( V.I.A.), riferite ai permessi di prospezione sismica (con la tecnica dell’Air Gun) rilasciati a società multinazionali. Nello specifico, si tratta dei decreti del MATTM, di concerto con il MiBac, nn.103,104,105, 106,107,109,120,121,122". "Sulle stesse posizioni della Puglia - conclude la nota - tutte le Regioni e gli Enti Locali che si affacciano sull’Adriatico e sullo Ionio".
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trivelle in Adriatico, Regione al lavoro per impugnare i decreti del governo

BariToday è in caricamento